Come sopravvivere a una rottura? Riempiendo il nostro tempo e la nostra mente di cose belle

Rompere prima o poi capita a tutti, come capita a tutti doversi arrendere davanti all’evidenza. Nel Diario di Bridget Jones la protagonista a un certo punto dice qualcosa del tipo, Appena li vidi insieme capii che era una storia destinata a durare… come quella dell’ex con cui speravi di rimetterti e la sua nuova fiamma.

Ma come si sopravvive al dolore di una rottura? Come ci si riprende davvero da una storia andata male? Come si torna in carreggiata dopo che si è state mollate brutalmente, tradite o si è capito che la persona su cui avevamo puntato tutto in realtà non fa proprio per noi?

Beh non è semplice, sarei una pazza a sostenere il contrario.

Soprattutto dobbiamo accettare subito due cose: la prima è che ci sono ferite che solo il tempo può guarire, ma dobbiamo prepararci a portarne i segni, forse per sempre; la seconda è che il processo di ripresa non ha sicuramente un andamento costante.

Ci saranno giorni in cui vi sembrerà che tutto il mondo vi sorrida e di essere completamente guarite, e altri, invece, in cui vi sentirete al punto di partenza: depresse e senza vie di sbocco. State serene e pensate che è fisiologico, vuoi o non vuoi una rottura è un lutto e per elaborare una perdita ci vuole tempo, non abbiate fretta.

Già una dopo aver accettato queste cose la vostra strada è in discesa, ma come già vi ho detto varie volte (QUI il post in cui ne avevamo parlato) l’importante è imparare a riempire al meglio il vostro tempo. Se vi arriva l’invito al matrimonio del vostro ex di cui siete ancora innamorate, concedetevi un paio di giorni chiuse in casa a mangiare gelato e biscotti al cioccolato, non vi preoccupate non state commettendo un reato contro l’umanità, ma poi basta.

Uscite, fate shopping, fatevi organizzare dalle amiche sposate un paio di incontri al buio a cui andrete giusto per passare il tempo in compagnia, non con lo spirito di incontrare il padre dei vostri figli. Sforzatevi di prendere tutto con leggerezza, sì ai film d’amore, ma solo se sono anche divertenti, sì ai viaggi con le amiche, ma solo se c’è lo spirito di fare baldoria. Prendetevi cura di voi stesse, andate a correre, iscrivetevi a un corso di yoga, imparate a prepararvi le vostre creme di bellezza con frutta e yogurt… in fondo non c’è bisogno di spendere miliardi per riempire le vostre giornate.

Prendete le sventure che sicuramente vi capiteranno con ironia, e soprattutto non compatitevi, perché se entrate nella spirale negativa di ansia e di angoscia tutto diventerà più difficile e soprattutto Mister Giusto si terrà alla larga da voi e dalla vostra negatività!

E voi siete pronte a sopravvivere alla rottura e a ributtarvi nella mischia?

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

30 Commenti
  1. Intanto complimenti per questo blog favoloso che scopro solo oggi e che d’ora in avanti seguirò sicuramente!!!
    Il tema è molto attuale, un articolo che ho letto volentieri e che infonde ottimismo 🙂

  2. Le tue parole sono molto sagge, e quello che scrivi sa molto di imparato sulla tua pelle. Ricordo ancora la fine del primo flirt da adolescente, pensavo la mia vita fosse finita. Con gli anni impari a dare la giusta importanza alle cose e credo anche io che due giorni di lutto a biscotti e gelato possano bastare 😉
    http://www.mybubblyzone.com/

  3. A me è capitato esattamente tre giorni fa di essere stata mollata… questo post dice cose verissime! Difficile da applicarle sempre quando ci si sente così, ma con un po di sforzo e di buona volontà forse le cose possono essere viste dalla giusta prospettiva… anche io opto per la leggerezza sana e per il prendersi cura di se..lo ritengo molto importante sotto ogni punto di vista! Spero di riprendermi presto. Grazie

    1. Annapaola è vero non è mai facile riprendersi da una rottura, bisogna trovare un giusto e sano equilibrio tra “Ei mi DEVO rimettere a tutti i costi in pista in un giorno” e il voler restare a casa per mesi a crogiolarsi nel proprio dolore. L’equilibrio si sa non è mai facile da trovare, ma giorno dopo giorno e passo dopo passo ci si riesce… il bello è che poi una volta uscite dal momento no si è più forti di prima!
      In bocca al lupo e grazie a te

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.