Affrontare l’ansia da prova costume

Volete scoprire come affrontare l’ansia da prova costume e vivere serena le giornate in spiaggia? Niente paura, siete nel posto giusto!

Ecco come affrontare l’ansia da prova costume!

L’estate è arrivata, le vacanze estive sono iniziate ed ecco che arriva anche quel fatidico momento comunemente identificato come “prova costume”. Ma niente paura!

Una prova che genera ansia, disagio, imbarazzo, cali di pressione e sincopi da stress in riva al mare. Un disturbo solitamente legato al pensiero di mostrare il proprio corpo senza vestiti, strategiche cinture sul punto vita e il filtro di instagram TopModelLook.

Timori e insicurezze

Anche questa volta, a fare la differenza è il riflesso di auto-conservazione che ti spinge a procrastinare il problema fin quando non ti travolge. E a travolgerti sarà quell’invito dell’ultimo minuto che suona più o meno così: “domani vieni a mare?”.

A presentarsi prontamente, oltre al pensiero della depilazione d’emergenza, è il timore del giudizio.

Come se lo sguardo altrui celasse il potere di influenzare la percezione di sé, finendo per farci sentire inadeguati.

Esistono, per fortuna, dei rimedi utili per sentirsi a proprio agio in spiaggia e godersi la giornata al mare evitando la suddetta sincope sul bagnasciuga, che è di certo più imbarazzante del rotolino sulla pancia che fa ciao ciao quando ti siedi.

D’altronde è tutta una questione di punti di vista e, spesso, ciò che riteniamo imbarazzante lo è meno della conseguenza stessa di quel sentimento di disagio. La chiave è rintracciare il giusto equilibrio.

Valorizzate le vostre particolarità per trasformarle in punti di forza.

ansia da prova costume
Ad esempio, una strategia vincente è mettere da subito in chiaro la propria identità: comunica chi sei e fallo con fierezza. In che modo? Il gonfiabile gigante a forma di donut è sempre un messaggio inequivocabile.

Il principio della condivisione è molto utile: hai la cellulite? Ok, ma ce l’hanno anche Chiara Ferragni, Beyoncé e Jennifer Lopez… no Jennifer no, ma lei è un essere extra-terreste, proiezioni divina dell’ideale di perfezione, quindi non conta. Insomma, mal comune mezzo gaudio.

A questo si aggiunge pure il meccanismo dell’alleggerimento: tu non hai i paparazzi alle calcagna che te la fotografano, la cellulite, loro sì. Ti è andata meglio.

Banale ma efficace il mood del bicchiere mezzo pieno: hai il seno piccolo? È una fortuna, puoi indossare micro-costumi che non inseguono la fuga sconsiderata dal tuo davanzale verso il centro del mondo. Hai il seno grande? È una fortuna, potrai inscenare una sexy corsa a rallentare in riva al mare, attivando un suggestivo rimbalzo ipnotizzante.

Da non sottovalutare la questione moda (intanto QUI trovate i costumi di tendenza di quest’estate), che giunge sempre in nostro soccorso. Altrimenti perché avremmo di nuovo gli slip a vita alta ed i costumi interi? Riflettiamo.

Affrontare l’ansia da prova costume? Ecco le nostre conclusioni…

ansia da prova costume
Se ancora non siete sicure che i nostri consigli vi servano per affrontare la prova costume al meglio, vi lasciamo i consigli definitivi. Primo, dimentichiamo della golden hour.

Baciati dalla luce del tramonto subiamo come i Pokémon un’evoluzione di crescita e speranza; il segreto è sparire a mezzogiorno, quella luce è fetente.

Ora coraggio, armatevi di autostima e scendete in campo… la prova costume è vostra amica e vi aspetta!

PIANO B: potete venire in montagna con me!

Photo Credit: freepik.com

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.