I 5 motivi per cui single è meglio

Archiviato – finalmente – San Valentino, oggi si celebra una festa molto meno blasonata, ma sicuramente d’effetto: San Faustino, protettore di tutti i single. Al di là di ogni ovvietà da dire sull’argomento, credo che sia importante che le ragazze single approfittino del 15 febbraio per ricordarsi di alcune cose. L’idea mi è venuta un po’ per gioco, ma poi riflettendoci bene, ho capito che uno dei più grandi problemi che abbiamo noi donne è quello di dimenticare che in fondo l’essere single è una condizione meravigliosa e con tante cose positive, di cui troppo spesso, però, tendiamo a dimenticarci.

Ecco i 5 motivi per cui single è meglio, non potendo chiedervi di tatuarveli, direi che ricopiarli e appenderli sul frigo e sullo specchio del vostro bagno sia un’ottima idea!

  1. Infinite possibilità di trovare Mister Giusto.
    Quando siete single non ci sono limiti su chi potrebbe essere l’uomo dei vostri sogni. Il ventaglio di opportunità è vastissimo – da un milionario tenebroso in stile Christian Grey, a un cantante famoso, passando per un volontario appassionato di cani, insomma non ponete limiti alla provvidenza – e non vi resta che godervi il viaggio e capire chi sarà a rapirvi il cuore. Ogni nuova uscita ci sono speranze ed emozioni sempre nuove, che una volta felicemente in coppia vi potete dimenticare.
  2. Più tempo per voi.
    Le felicemente sposate, ma ancora di più le mamme, sono sempre indaffarate e non sempre parliamo di faccende piacevoli. Ecco, diciamo che se vi raccontano che stirare camice, togliere la cacca dal sedere di un bambino e dormire con accanto uno – se non due, quando Penelope dormiva ancora in camera con noi e aveva il raffreddore, vi dico che gioia – che russa, vi stanno mentendo spudoratamente. Avere il tempo per andare dal parrucchiere, dall’estetista, leggere un libro e o semplicemente stare sul divano senza nessuno che vi contende il telecomando per mettere Peppa Pig o Come è Fatto, credetemi è un lusso sfrenato, di cui essere gelose.
  3. Più opportunità per voi.
    Quando si è in coppia si deve per forza ragionare in due. Se vi offrono un lavoro strepitoso in Nuova Zelanda, non potete prendere e partire come se nulla fosse, ma fare i conti con una persona che forse non ha la stessa vostra voglia di trasferirsi dall’altra parte del mondo. Scherzi a parte, in una coppia che funziona bisogna trovare l’equilibrio tra le proprie ambizioni e cercare di far funzionare le cose al meglio. E non è sempre facile.
  4. Non dover rendere conto a nessuno.
    Nessuno può fare tutto quello che vuole, lo sappiamo bene, ma sicuramente un single ha uno spazio di manovra molto più ampio rispetto a chi è già accasato. Vi faccio un esempio: è domenica, la vostra amica del cuore vi propone all’ultimo minuto di andare a passare la giornata in una spa, solo donne per una giornata tra relax e quattro chiacchiere, le possibilità che voi possiate dire di sì se siete in coppia sono davvero minori, rispetto a una single.
  5. Maggiore divertimento.
    Anni fa mi dissero che bisognava baciare diversi rospi prima di incontrare il principe azzurro, ed è assolutamente vero. Quando ero single, mi è capitato di uscire con un altissimo numero di tipi improbabili. Beh, mi direte voi che c’è di divertente? Le risate che mi facevo con le mie amiche subito dopo essere tornata a casa! Essere single è come vivere costantemente in un romanzo rosa – di quelli divertenti alla Sophie Kinsella – è importante saper cogliere ogni giorno il lato comico della cosa.

In realtà quello di oggi è una specie di gioco, ma quello che vorrei sottolineare è che non sempre in coppia si sta meglio. Le coppie sono luoghi difficili, in cui bisogna lavorare molto. Al nostro fianco bisogna che ci stia la persona giusta, con cui condividere un mondo d’amore, fiducia e rispetto, altrimenti è molto meglio starsene per i fatti proprio.

Un vecchio detto dice ‘meglio soli che male accompagnati’, e i vecchi detti non sbagliano mai!

Photo Credit: FreePik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.