Le dimensioni contano?

Le dimensioni contano? Oggi proveremo a sfatare un colosso dei miti. Vi dimostrerò perché, a mio parere ma non solo mio, le dimensioni in realtà non contino affatto!

Le dimensioni contano davvero o sono solo, come si suol dire in gergo social, delle Vanity Metrics?

Tutti sappiamo quanto ad un uomo medio piaccia sbandiera le sue proporzioni! Più l’ambiente che lo circonda è favorevole e colloquiale più il suo istinto esibizionista tenderà a farla da padrone. 

Gli uomini, si sa, in fatto di autostima sono sicuramente più ferrati delle donne. Sarà forse perché per essere un uomo discretamente accettabile dalla società, in alcuni casi, basti una doccia al giorno mentre per noi donne la storia è molto ma molto più complessa. Quindi di cosa si dovranno mai preoccupare i poveri maschietti?

Gli uomini hanno dei complessi?

le-dimensioni-contano
Il mese di giugno su MadeleineH.it, l’abbiamo detto più volte, è il mese dei luoghi comuni e oltre a scoprire se e quanto le dimensioni contino veramente colgo l’occasione per sfatare un’altro mito.

Sì, anche gli uomini hanno dei complessi! Non so perché ma mentre lo scrivevo ho provato un senso di goduria. Sarà che noi donne ci sentiamo perennemente inadeguate. Sarà che immaginarli davanti allo specchio facendosi anche loro qualche “pippa mentale” , ogni tanto, mi provoca un piacere non da poco.

Ebbene sì, gli uomini, come le donne, hanno dei complessi! Sicuramente molto differenti tra di loro ma allo stesso modo importanti.

Il primo fra tutti ha a che fare con le dimensioni, seguono calvizie varie, sudori eccessivi e i famigerati peli! Chissà se il signor rasoio mentre inventava la lama perfetta per reciderli sapeva a quale losco girone dell’inferno avrebbe destinato l’intera umanità!? 

Ma le dimensioni contano davvero?

le-dimensioni-contano
Chi dice di sì mente! O meglio generalizza un problema, se cosi si può chiamare, ben più ampio. A primo acchito io, invece, vi risponderei senza esitare un secondo di no, dovendo poi fare i conti con i fanatici dei righelli. Vi spiego il mio pensiero avvalendomi, anche, di un po’ di anatomia. 

Per quanto un sesso maschile di dimensioni medie sia più gradevole alla vista, e magari più fotogenico, non è detto sia allo stesso tempo più funzionale. Le motivazioni sono differenti alcune anatomiche altre più basilari. Cercheremo di riassumerle in tre punti:

  1. Non tutte le donne raggiungono l’apice del piacere con la penetrazione 
  2. Il famigerato punto G si trova a circa 4 centimetri di profondità. Vien da se che per una giusta stimolazione non occorrono misure da record!
  3. Se pure le dimensioni siano quelle “desiderate” bisogna anche saperle sfruttare. 

Ma tutto analizziamo punto per punto…

sesso
La prima affermazione so che lascerà tutti un po confusi! Niente panico, ne abbiamo parlato già in passato e ormai dovremo averlo capito bene. 

La donna prova piacere in due modi e uno di questi (l’orgasmo clitorideo) non necessita di alcuna penetrazione, anzi. Se pensiamo, quindi, che le dimensioni siano tutto in questo caso non c’è affermazione più falsa. 

Arriviamo ora al famoso punto G. Come vi dicevo, il punto delle meraviglie, trovandosi a 4 centimetri dall’ingresso della vagina, non ha grandi pretese. Dati alla mano penso che la lunghezza di un dito, in alcuni casi, basti e avanzi!

Ora arriviamo all’ultimo punto. Non è detto che un partner che ha sulla carta i numeri giusti sia poi effettivamente soddisfacente. Quale peggior delusione di un bel paio di pettorali che non “ballano”?.

A chi non è capitato di finire almeno una volta nella vita a letto con quello che sembrava il mago del sesso rivelatosi il contrario dopo appena 5 minuti? Quindi ragazze e ragazzi all’ascolto non preoccupatevi dei centimetri preoccupatevi, piuttosto, di imparare ad ascoltare meglio il vostro partner cercando, insieme, di arrivare al piacere desiderato. 

In conclusione: ciò che conta nella vita non è quanto ma come! cit. by Me!

3 Commenti
  1. Voi donne quando parlate del problema delle dimensioni non siete credibili, punto. Sessuologhe o donne comuni quando dicono che la dimensione del pene non è importante raccontano solo un sacco di balle perchè tutte le donne, ripeto tutte le donne a letto vogliono il vero Maschio e per essere Veri Maschi bisogna avere il pene tra i 18 e i 20 cm (e non 12 – 16 come tante volte vedo scritto nei differenti siti che parlano di questo!). La vera media italiana sta tra i 18 e i 20 cm in erezione e nessuna donna vuole un uomo con un pene inferiore perchè alle donne tutte interessa raggiungere l’orgasmo vaginale e per raggiungerlo bisogna che l’uomo abbia un pene non inferiore ai 18 cm perchè la vagina femminile — al contrario di quello che dicono le ginecologhe — è lunga tra i 18 e i 21 cm e questo lo dico con certezza perchè quando guardo i filmini amatoriali vedo ragazze e donne mature che si infilano un dildo di 20 cm e ci sta tutto dentro, se lo infilano tutto fino in fondo, quindi la vagina è lunga e non corta. Questo è il motivo per cui la donna ha bisogno sempre di un pene non minore di 18 cm quando fa l’amore per raggiungere l’orgasmo vaginale il vero obiettivo sessuale di tutte le donne. Quelle che continuano a dire che le dimensioni non contano e si può fare l’amore anche con un pene piccolo raccontano solo una grande balla perchè magari poi sono proprio quelle donne che alle altre vanno a dire che le dimensioni non contano ma a casa hanno il marito o il fidanzato con il pene tra i 18 e i 20 cm. Le donne quando parlano di dimensioni del pene — sessuologhe o donne comuni che siano — non sono credibili, ripeto non sono credibili e raccontano solo balle creando un danno incredibile a quei minidotati che leggendo poi finiscono per convincersi di essere normali mentre normali non lo saranno mai. A tutte le donne piace l’uomo con il pene normo o superdotato, mentre il pene piccolo per qualsiasi femmina è pura schifezza. Infatti noi minidotati (e io posso dirlo perchè ho il pene in erezione di 9 cm come quello di un bambino delle elementari) siamo considerati dalle donne come delle merde da evitare accuratamente nella vita, un po’ come se fossimo dei lebbrosi. Questo lo dico senza timore di essere smentito. Quindi, care donne, cominciare a raccontare la verità della questione dicendo che solo chi ha il pene sopra i 18 cm è desiderato dalla donne, tutti quelli che stanno sotto purtroppo no. Cominciate a dire la verità perchè solo in questo modo fate un vero servizio sociale utile e smettetela di raccontare balle.

    1. Ciao Marco,
      ci siamo prese un lungo momento di riflessione per rispondere al tuo commento molto lungo e argomentato. Per prima cosa ti ringraziamo per aver voluto condividere con noi il tuo pensiero e la tua esperienza. Nonostante io apprezzi moltissimo le tue parole e la tua sincerità, però, devo dissentire su un punto. Tu non sai cosa vogliono le donne, cosa vogliono davvero. Parti dal presupposto che vogliamo tutte la stessa cosa: un orgasmo vaginale e un uomo dotato, bè non è così. Non mento io, l’autrice dell’articolo, le sessuologhe o le ginecologhe. Ovviamente ci sono quelle per cui è fondamentale ma non siamo tutte uguali, grazie a Dio! Ognuno di noi ha i suoi complessi. Immagino che per voi uomini film porno con uomini super dotati siano un po’ come per noi donne le sfilate di Victoria Secrets. Ti paragoni ma ne resti inesorabilmente sconfitto. E sì ci sono uomini che una donna che non ha un corpo magro e perfetto non la guarderebbe mai ma non siete tutti uguali. La verità, però, è che noi siamo molto più di un corpo, che il piacere sessuale non ha niente a che fare con l’aspetto fisico o le dimensioni e mi spiace molto che tu questo non lo percepisca.

      Ti auguro il meglio!

  2. No, non serve augurare il meglio ad un minidotato perchè questi auguri nient’altro sono che la solita retorica femminile che non porta a nulla se non ad una pura presa in giro. Ora a più di 50 anni credo di sapere benissimo cosa vogliono le donne in fatto di sesso perchè quando si è minidotati il pensiero femminile lo si conosce fino in fondo, perchè le donne possono tradire le loro parole con i fatti e i fatti hanno sempre dimostrato che tutte le donne — ripeto tutte le donne — in fatto di dimensioni del pene non sbagliano mai. Bene, ora visto che per voi la mia è solo una stupida fissazione allora come ho consigliato ad altre sessuologhe con le quali ho avuto accese discussioni potete fare esperienza diretta di quello che vi sto per dire: prendete vostro marito (che di sicuro ha il pene tra i 18 e i 20 cm perchè anche voi come tutte le altre non sbagliate certo nelle misure, anche se poi andate a dire che vi siete innamorate per puro amore!) e quando ha il pene in erezione glielo tagliate in modo da ridurlo a 9/10 cm come è il mio (il pene di un minidotato) e poi venite nel blog a fare il solito discorso che le dimensioni non contano, che basta saperlo usare e bla bla bla bla……. Ecco, provate quello che vi dico così avrete modo diretto di testare la cosa e vedere che quello che vi scrive un uomo minidotato di 50 anni alla fine è solo verità. Insomma voi donne siete come quelli che parlano della povertà con la pancia piena, perchè quando dite che le dimensioni non contano poi a casa avete il marito con il pene lungo e grosso. Mi dispiace ma la verità è questa ed è inutile che parte del mondo femminile continui a raccontare la solita storiella, altro che io non so cosa vogliono le donne! Lo so anche troppo bene ed è per questo che invito voi come ho invitato tante altre a fare questo esperimento con il vostro marito. Alle bugie femminile non credo più. Saluti e baci.

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.