Perché i figli trattano le madri peggio di ogni altra persona

Il rapporto madre-figli, si sa, è tra i più complessi e ricchi di sfumature. Ma perché i figli trattano male la mamma?

Perché i figli trattano le madri peggio di ogni altra persona: gli spunti di riflessione della nostra Tata Emma

Il rapporto madre-figli è un rapporto complesso, lo sappiamo tutti e ci siamo passati quasi tutti. I social media hanno parzialmente oscurato le difficoltà nei rapporti ed è più facile mostrare solo i lati positivi dei rapporti con i genitori.

A volte, però, il rapporto con la propria mamma può essere complicato sia che si parli di bambini piccoli che di adolescenti… e persino adulti! Se gli scontri e le discussioni possono essere fisiologici, è molto importante osservare con attenzione l’evolvere delle relazioni madre-figlio.

Vi lasciamo qualche spunto utile di riflessione per capire se e come affrontare un momento di difficoltà con i propri figli.

Perché i figli trattano le madri peggio di ogni altra persona? Il peso dell’ambiente

i figli trattano le madriL’ambiente intorno a noi costruisce la relazione. I bambini prima e gli adolescenti poi, imparano moltissimo dall’ambiente in cui vivono. Un ambiente dove la mamma è responsabile di tutto e dove le aspettative nei suoi confronti sono altissime condizionerà l’idea di materno che nostro figlio avrà.

È, quindi, molto importante dare il buon esempio, a partire dal rapporto della coppia genitoriale. Non bisogna mai avere atteggiamenti sminuenti e svalutanti nei confronti del partner né costruire il nucleo familiare attorno a un solo genitore responsabile dell’educazione dei figli. Vale anche per i suoceri (se volete consigli su come gestire la suocera non perdetevi QUESTO articolo).

Quando accettare la rabbia

Bambina arrabbiata

Essere arrabbiati va bene, ma le parole sono importanti. La rabbia è un sentimento sano e necessario, ma bisogna imparare fin da piccoli ad esprimersi correttamente. Che un figlio adolescente scarichi la sua rabbia contro un genitore può essere normale amministrazione, certi termini non sono però accettabili.

Con i figli, infatti, bisogna imparare a discutere, stabilendo dei confini che non possono essere superati. Inoltre, passato il momento rabbioso è importantissimo sedersi e intavolare un discorso costruttivo.

I bambini tra stereotipi e condizionamento culturale

Bambini giocano insieme

La cultura ci condiziona. Viviamo ancora in una società fortemente patriarcale con ruoli spesso molto stereotipati. I nostri figli assorbono quello che sentono e vedono. Il rispetto, però, si impara in famiglia ed è il motivo per cui è molto importante parlare con loro di quello che vedono e sentono fuori casa.

Non di rado, infatti, sentiamo bambini dire “Ma il mio amico Gianfilippo dice stai zitta a sua mamma”. In questi casi è necessario problematizzare quello che i nostri figli ci raccontano senza farli sentire in colpa, ma responsabilizzandoli sul significato delle parole.

Perché

i figli trattano le madri peggio di ogni altra persona

? Comunicazione verbale e non verbale

Ci sono dei momenti in cui la rabbia è veicolo di altri sentimenti ed emozioni che non si riescono ad esprimere, specialmente se osserviamo un cambiamento repentino nel comportamento quotidiano. È molto importante capire se nostro figlio vuole comunicarci qualcosa d’importante attraverso il suo comportamento. Mettiamoci, quindi, in ascolto e rassicuriamolo che siamo presenti e solidi per accogliere qualsiasi cosa ci voglia dire. Come scriviamo spesso: siamo noi gli adulti, non dimentichiamocelo mai.

E se non mi vuoi abbastanza bene?

Capita che i figli vogliano alzare l’asticella e metterci alla prova. Può capitare, soprattutto, in alcuni momenti cruciali di crescita, ma anche in alcuni momenti di cambiamento importante, come ad esempio dopo una separazione della coppia genitoriale. In questi casi è molto importante saper gestire la tensione e rassicurare i figli sulla nostra capacità di reggere il peso del loro dolore. Allo stesso tempo, però, è fondamentale tenere a mente che se l’aggressività va a intaccare il benessere sia dei figli che dei genitori bisogna rivolgersi a un professionista e chiedere aiuto senza paura.

Photo Credit: freepik.com

Tata Emma

Milanese Doc! La nostra Tata Emma è una psicologa esperta di bambini e non solo...

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.