La scuola prima la odi, poi…

La scuola prima la odi, poi ti manca. Fino a che la frequentiamo ogni giorno, viviamo nell’inconsapevolezza di quanto poi ci mancherà…

La scuola… prima la odi, poi ti manca… ma di certo avresti mai pensato che un giorno non troppo lontano, la scuola che hai tanto detestato, ti sarebbe mancata così profondamente.

Quando sei alunno, durante il tuo percorso scolastico, sei marchiato da una peculiare caratteristica distintival’inconsapevolezza. La stessa inconsapevolezza che ti spinge a storcere il naso quando i grandi ti dicono “goditeli questi anni, che poi ti mancheranno!”, e tu risponderesti solo “ma ammazzati”.

L’inconsapevolezza obbligatoria!

La-scuola-prima-la-odi-poi
Tale inconsapevolezza è obbligatoria, come il resto delle consuetudinarie norme scolastiche: entra in classe alle 8:00; porta la giustifica se fai un’assenza; fai i compiti; non uscire prima della campanella; sii inconsapevole. Succede che, appena varcata la soglia della classe, l’inconsapevolezza t’investe, di solito insieme a quella profonda disperazione che prende la forma di un grosso buco nero nello stomaco. E passeranno soltanto con la fine della scuola – l’inconsapevolezza e il buco.

Sarà nell’attimo esatto in cui lo scoccare del quinto anno designerà la tua venuta al mondo degli adulti, che l’inconsapevolezza diverrà rimpianto, poi dolore, poi nostalgia, poi rimorso… poi cresci e muori. Se solo l’avessi saputo…

Tante le cose che mancheranno…

La-scuola-prima-la-odi-poi
Ripenserai all’ansia del fatidico primo giorno di scuola
, a quell’inconfondibile smania di libertà che rapidamente si sbriciolava appena iniziato Settembre. E poi penserai a quello stesso desiderio di libertà, che ormai si sbriciola a Settembre, a Ottobre, a Novembre, a Dicembre, a Gennaio, a Febbraio, a Marzo, ad Aprile, a Maggio, a Giugno, a Luglio, ad Agosto così così.

Ripenserai alla noia di quelle tante ore bloccato in classe e ai tattici “prof. posso andare in bagno?”, pur di farti un giro in corridoio, abbastanza lungo da rientrare in classe alla fine dell’ora. E poi penserai a quanto vorresti farlo ancora, immaginandoti in fila alle poste da 90 minuti e “scusate impiegati delle poste, posso andare in bagno?”.

Ripenserai alle giustifiche, quando la voglia di studiare proprio zero e così sventavi fiero l’arma che tanto t’eri preservato: “prof., mi giustifico, mi è morto il gatto!”. E quanti gatti che morivano a scuola. E poi penserai a quanto ti mancano quelle giustifiche e desidereresti farlo ancora: “vita, io mi giustifico, mi è morta l’anima!”.

Anche quello che si odiava assumerà tutto un altro sapore!

La-scuola-prima-la-odi-poi
Ripenserai alle assemblee d’istituto
, che alla fine stava per: niente lezioni, due chiacchiere in aula magna, l’investitura del rappresentate d’istituto, e via, tutti al bar. E poi penserai che vorresti partecipare ancora, a quelle assemblee d’istituto, ma non ti resterà altro che radunare le tue personalità multiple e insieme votare per chi sia degna di regnare sulle altre, poi via, “tutte al bar, che la regina vi offre un caffè!”

Ripenserai anche ai compiti, tanto odiati, temuti, ignorati, rimandati e poi penserai a quanto vorresti, oggi, dover scrivere cinque frasi con i verbi transitivi, 5 intransitivi, 5 attivi, 5 passivi e ripetere bene pagina 162.

Così finirai a sfogliare con rimpianto i tuoi vecchi annuari, assaporando i ricordi custoditi tra quelle pagine piene di volti inconsapevoli. Troverai il tuo, lo osserverai con nostalgia, e finalmente la riconoscerai con chiarezza… l’inconsapevolezza. Quella che ti ha spinto a rinnegare la fortuna di quegli anni e a vestirti di merda credendo di essere alla moda!

La scuola: prima la odi, poi…? Qual è il vostro rapporto con gli anni scolastici? Per altri contenuti della nostra Fran Gingery potete visitare il suo sito Gingery oppure la sua pagina Instagram. Il consiglio è di non perdersi nemmeno un suo meraviglioso post!

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.