Portarla a casa per Natale: è troppo impegnativo?

Portarla a casa per Natale: è troppo impegnativo?

Il Natale è alle porte, manca ufficialmente un solo mese alla festa più amata e odiata di tutti i tempi (che poi mi chiedo come si possa odiare il Natale).

Babbo Natale oltre a tante luci, ai regali, ai dolci natalizi e alle decorazioni porta con sé anche un po’ di timori. Un esempio? “E il fidanzatino dove lo hai lasciato?”… vi basta?

Proprio per un discorso analogo ci scrive Andrea, protagonista dell’appuntamento odierno de La Posta del Cuore. Fidanzato da pochi mesi, è innamoratissimo della sua Clarissa, ma si trova di fronte a una scelta difficilissima: lei vuole trascorrere le feste insieme – ergo anche con la famiglia – ma lui ha paura che sia troppo presto…

La lettera di Andrea che deve scegliere se portarla o meno a casa a Natale

Portarla a casa per Natale

Ciao Madeleine,

mi chiamo Andrea e ti scrivo per una questione molto semplice e forse anche banale, che però mi sta mettendo molto in difficoltà. Sono fidanzato da pochi mesi con una ragazza bellissima, che mi ha fatto penare tantissimo prima di guardarmi soltanto e che di storie serie proprio non ne voleva sentir parlare.

Dopo essere riuscita a fatica a conquistarla, le cose tra di noi sono andate alla velocità della luce: ci siamo messi insieme, io l’ho presentata dopo un mese ai miei genitori e dopo un paio lei mi ha presentato alla mamma, usciamo con le nostre rispettive compagnie di amici cercando di alternarci… insomma, siamo una coppia a tutti gli effetti.

Come tutte le coppie frequentiamo le rispettive case e famiglie con frequenza e con l’avvicinarsi del Natale lei mi ha, con molta naturalezza, posto un quesito che mi ha messo in crisi: che facciamo a Natale?

Se state insieme da poco, è giusto portarla a casa a Natale?

Portarla a casa per Natale

La domanda inzialmente non mi ha spiazzato, ti dico la verità, anzi l’ho trovato piuttosto normale: alla fine io frequento casa sua, lei casa mia, i miei genitori la adorano e, per esempio, al compleanno di mio padre siamo andati a cena fuori e c’era anche lei.

Il problema me lo sono posto dopo ed è questo: non sarà troppo impegnativo? So che starai pensando che noi qualche tappa l’abbiamo già bruciata, ma in questo caso si tratterebbe di presentarla a tutti i parenti. Da noi, infatti, vengono i fratelli di mamma e la sorella di papà che vivono tutti fuori città. Mi chiedo se non sia troppo impegnativo…

Quella con Clarissa non è la mia prima storia e la mia ex trascorreva con noi il Natale, il punto, però, è che quando ci siamo fidanzati io e lei avevo 17 anni, siamo stati insieme sei anni e per i miei parenti eravamo i ‘fidanzatini’. Di anni, adesso, ne ho 26 e portare una ragazza in famiglia ha una valenza diversa, almeno per me.

Non so se le mie sono solo paranoie o se parlarne con lei, perciò intanto ho scritto a te.

Aspetto un tuo suggerimento, intanto ti ringrazio!

Andrea

Photo Credit: freepik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Titta

Titta è una Love Coach e il braccio destro di Madeleine. Nata nel 1989 a Napoli dove vive il suo Mister Giusto. Titta è laureata in Scienze della Comunicazione è appassionata di serie tv e una vera divoratrice di libri

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.