La storia di Elisa, Episodio 7 – Come riprendersi un uomo

Nel nostro ultimo appuntamento con Elisa (QUI il post), la mia ragazza era alle prese con l’invito del suo Riccardo a prendersi un caffè insieme. Che faccio? Come mi comporto? Che mi metto? mi chiedeva ossessivamente, ma non sapeva quale triste destino – povera lei – le stavo per infliggere. Perché non si sarebbe messa niente, non avrebbe fatto niente, perché molto semplicemente lei a prendersi quel caffè non ci sarebbe andata.

Maledetto_il_giorno_Che_Tho_incontrato_ChezMadeleine

La verità è che una buca ben assestata, nella maggior parte dei casi, sortisce molti più effetti di una fantastica notte di sesso. Certo non produrrà le stesse endorfine e il nostro fisico non ne gioverà allo stesso modo, ma, fidatevi, se con un uomo avete sbagliato troppo è l’ora di invertire la marcia. Elisa avrebbe dovuto rispondergli solo il giorno dopo – aveva troppe cose importanti da fare per scrivergli prima – che aveva una settimana tremenda e che purtroppo in quel momento era troppo impegnata, ma che le avrebbe fatto molto piacere vederlo prossimamente.

Ovviamente – sempre perché conosco i miei polli – lei doveva mandarmi la foto della chat. In questi casi si sa fidarsi è bene, ma non fidarsi è molto meglio! Le ragazze innamorate sono come gli eroinomani. Potrebbero arrivare a commettere qualunque nefandezza pur di avere una dose del loro principe azzurro.

Principe_Azzurro_chezMadeleine

Manco a dirlo Elisa prese malissimo questo mio consiglio, ma sul come riprendersi un uomo l’esperta sono io e non lei. E lo ripeterò fino alla nausea, per riprendersi un uomo la prima regola è stupirlo. Uscire dagli schemi e comportarsi in una maniera che lui giudicherà come atipica. Solo così riuscirete nel vostro scopo. Se continuate a bacchettarlo e ossessionarlo lui fuggirà lontano migliaia di chilometri oppure tra le braccia di un’altra.

Fuga_ChezMadeleine

Lei sbuffò, si arrabbiò mi chiese ossessivamente se fossi sicura della mia posizione, ma alla fine – grazie al cielo – fece esattamente come le avevo ordinato di fare. Lui ci rimase malissimo, tanto che per qualche giorno all’università la ignorò completamente. Elisa ripiombò nella disperazione più nera, ma io no. Io ero in una botte di ferro, quando i maschi reagiscono così è perché qualcosa gli brucia. La settimana successiva, Riccardo le chiese personalmente un appuntamento per il venerdì successivo a cena. Fortunatamente avevo già detto a Elisa che dopo la prima buca avrebbe dovuto accettare con piacere qualsiasi invito successivo. E così lei, fin troppo contenta, gli rispose un diplomatico molto volentieri.

Manco a dirlo la mia vita fino a quel famoso venerdì si trasformò in un incubo, tanto che ancora oggi credo di non aver divorziato per miracolo, ma per fortuna tutto andò… no, mi sa che questo ve lo racconto la prossima volta 😉

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.