Kate Middelton in Windsor e l’arte dell’abito riciclato.

La futura Regina d’Inghilterra, come tutti i personaggi di spicco, la si amoa o la si odia. Non ci sono vie di mezzo. Si apprezzarla per la sua semplicità, per la bellezza e per l’aura di normalità di cui è avvolta oppure… non la si sopporta perché un po’ indigesta!

Vero è che la bella, perché tutto le si può dire tranne che non sia una bellissima donna, Kate non sbaglia un colpo. Sin da giovane fidanzatina del principe William si è messa in evidenza per il suo stile low cost. I suoi abiti dei “grandi magazzini” andavano a ruba e tutti applaudivano alla sua parsimonia. Adesso che è entrata a tutti gli effetti a far parte della famiglia reale, Kate è sempre sotto i riflettori, ma non per questo si è montata la testa ed ha trasformato la sua natura, anzi.

Certo, aveva un’eredità non semplice da gestire. Prima di lei il ruolo della futura Regina bella e giovane era di una certa Lady Diana. La compianata principessa era un’icona assoluta di stile ed eleganza e competere con il suo ricordo non deve essere stato facile. Eppure Kate c’è riuscita, con la stessa soave grazia con cui ha impalmato il partito più ambito del mondo.

Kate Middelton è un po’ come Mary Poppins, praticamente perfetta sotto ogni punto di vista. Bella, ricca, futura regina e ben vestita… e se questo non bastasse è pure modesta. Perché, nonostante si possa permettere di indossare abiti nuovi ogni giorno, lei incurante delle macchine fotografiche che ha sempre puntate addosso, perfettamente in linea con questi momenti difficili per molte giovani donne, ricicla gli abiti!!!

Che siano di famosi stilisti o di qualche catena di abbigliamento low cost, Kate indossa i suoi vestiti in più occasioni… come tutte noi comuni mortali.

Per un evento ufficiale accanto alla regina o per un matrimonio di qualche membro della famiglia reale, Kate apre l’armadio e sceglie. E chissene importa se già è stata fotografata con la stessa mise. A volta cambia gli accosseri, altre l’acconciatura, altre ancora nemmeno quella ed esce di casa esattamente coma qualche tempo prima.

Ammettiamolo chi di noi non l’ha fatto? Hai il matrimonio di una cara amica, ti compri un bel vestito nuovo e ti senti da Dio, dopo qualche tempo si sposa una cugina e te lo rimetti. Con la differenza che noi non abbiamo orde di fotografi pronti ad immolarci ogni secondo.

Manco a dirlo quella dell’abito riciclato sta diventando una tendenza tra tutte le esponenti delle famiglie reali. Da Letizia Ortiz – futura Regina di Spagna – alla principessa Beatrice, figlia di Andrea Windsor e Sarah Ferguson, tutte tendono a rimettere vestiti già visti.

Ecco Kate se proprio ti devo trovare un difetto è che difetti proprio non ne hai. Mia cara stai attenta quando si è perfette si rischia di diventare perfettine, e le perfettine si sa sono irrimediabilmente antipatiche!!!

Per voi una carrellata dei look riciclicati della Duchessa di Cambridge.

Il tailleur Luisa Spagnoli

14 aprile 2014: in visita in Nuova ZelandaKateRosso25 febbraio 2011: in visita a St. AndrewsKateRosso2

Il completo Rebecca Taylor

16 aprile 2014: in visita in Nuova ZelandaKateTailleur26 aprile 2012:  a un ricevimento per il centenario della spedizione Scott-Amudsen, a LondraKateTailleur2

Il cappottino Missoni

29 marzo 2014: al matrimonio di Lucy Meade e Charlie BudgettKateCappotto13 giugno 2012: per il giubileo della Regina Elisabetta IIKateCappotto21 marzo 2012: a una cerimonia a LondraKateCappotto3

L’abito di Temperley London

11 dicembre 2013: alla visione del film David Attenborough’s Natural History Museum Alive 3DKateAbito8 novembre 2012: per il m600esimo anniversario dalla fondazione dell’University of St. AndrewsKateAbito28 gennaio 2012: alla premiere del film War HorseKateAbito3

Il cappotto Emilia Wickstead

17 marzo 2012: per la parata di St. PatrickKateCappottoRuota217 marzo 2013: per la parata di St. PatrickKateCappottoRuota

 L’abito di Emilia Wickstead

29 maggio 2012: a un garden party a Buckingham PalaceKateRosa18 maggio 2012:  a un ricevimento a Waterloo ChamberKateRosa2

L’abito Zara

11 giugno 2011: al matrimonio di Sam Waley-Cohen e Annabel BallinKateZara18 maggio 2007: in un’uscita con la sorella PippaKAteZara2

L’abito Reiss

1 luglio 2011: in visita in CanadaKateBianco11 dicembre 2010: per la foto ufficiale del fidanzamentoKateBianco2

Il soprabito Day Birger et Mikkelsen

29 agosto 2012: a un evento legato ai Paralympic GamesKateBeige30 luglio 2011: al matrimonio di Zara PhillipsKateBeige26 maggio 2006: per il matrimonio di Laura Parker Bowles e Harry LopesKateBeige3

L’abito Roland Mouret

5 dicembre 2013: alla premiere del fil Mandela: Long Walk To FreedomKateLungo7 maggio 2012: a una cena al The Thirty Club at ClaridgesKateLungo2

L’abito Roksanda Ilincic

30 luglio 2012: ospite di un evento della The Royal Academy of ArtsKateAsimmetrico8 luglio 2011: a Los AngelesKateAsimmetrico2

L’abito di Alexander McQueen

4 luglio 2012: in occasione del torneo di WimbledonKateTricot4 luglio 2011: in visita in CanadaKateTricot2

L’abito di Issa

30 giugno 2011: in visita in CanadaKatePois28 aprile 2011: il giorno prima del suo matrimonioKAtePois2

L’abito di Jenny Packham

11 febbraio 2014: a un gala alla National Portrait GalleryKateBlu24 ottobre 2013: al 100 Women Hedge Funds GalaKateBlu2

L’abito Diane von Furstenberg

29 luglio 2011: al party di fidanzamento di Zara Phillips and Mike TindallKateVerde8 luglio 2011: in visita al British Consul-General di Los AngelesKateVerde2

L’abito floreale di Jenny Packham

9 giugno 2012: a Lincolnshire, al matrimonio di Emily McCorquodale and James HuttKateFiori10 luglio 2011: in California, al Foundation Polo ChallengeKateFiori2

Vi piacciono i look “riciclati” di Kate Middelton?

Ps. Per le foto grazie a Vanity.it

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

I commenti per questo post sono disabilitati