Che fine fanno i buoni propositi?

Una volta al mese, allo scoccare del nuovo anno, alla fine dell’estate… è sempre il momento giusto per stilare una lista delle buone intenzioni e degli obiettivi! Ma che fine fanno i buoni propositi?

Domandona… che fine fanno i buoni propositi? Stavolta è il turno di settembre, che ha ormai spalancato le sue porte, quindi perché non cogliere quest’occasione per affrontare l’anno con il piede giusto?

Perché abbiamo bisogno dei buoni propositi

Porsi degli obiettivi e fare spazio ai nuovi progetti, è utile per decidere cosa lasciarsi alle spalle e capire dove concentrare le proprie energie, quali priorità perseguire e in quanto tempo perdere quei kili di troppo accumulati venti natali fa.

Basta un foglio contornato di cuori, stelline o fiorellini (una lista che non sia esteticamente carina, non è una vera lista), una penna coi brillantini (per l’appunto) e via verso un nuovo inizio a passo felpato! O con una giravolta, o con due saltelli, un passo avanti ed uno indietro, mezzi passi, passettini… insomma, ognuno ha i suoi tempi, nessuno vi giudica. Tranne quell’“amica” convinta d’essere migliore perché c’ha il metabolismo veloce, quella vi giudica.

Passo numero uno: mantenere il buon proposito dei buoni propositi

Attenzione! Spesso, il buon proposito di realizzare una lista di buoni propositi, diventa essa stessa il proposito originario mancato. Come quando imposti la sveglia alle 7:00 – 7:10 – 7:15 – 7:20 – etc. e poi ti alzi alle 11:00.

L’entusiasmo del cambiamento (e di tutti quei cuori, stelline, fiorellini e brillantini) è indubbiamente elettrizzante, ma tra dire e fare c’è di mezzo… Netflix, un po’ di Instagram, un giretto su Pinterest e quelle bellissime farfalle immaginarie che ti svolazzano sulla testa.

In un attimo l’iscrizione in palestra si trasforma in una camminata a ritmo mediocre dal letto al divano. Il petto di pollo con l’insalata si evolve in un hamburger con bacon, pancetta, provola, maionese e l’anima di un fanciullo innocente. La voglia di conquistare il mondo si deteriora in voglia di conquistare il mondo… la prossima volta.

Quindi che fine fanno davvero i buoni propositi?

Né la storia né la scienza c’insegnano che fine fanno, davvero, i buoni propositi: non troverete risposte nei libri, né otterrete conforto da una medicina per la cura dei buoni propositi mancati (non so, tipo una pillola di Saràperlaprossimax).

La leggenda narra che condividano un appartamento nel buco nero coi calzini spaiati, di tanto in tanto s’incontrino con le forcine perdute e per le grandi occasioni, si riuniscano con gli elastici magicamente svaniti.

Come mantenere, quindi i buoni propositi?

Provate a chiederlo a quella col metabolismo veloce, lei di certo lo sa.

 

Photo Credit: freepik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.