Body shaming: cause, segnali e… ma i fatti tuoi no?

Sempre più spesso sentiamo parlare di “body shaming”, una forma di bullismo che colpisce l’aspetto fisico delle persone.

Letteralmente, significa giudicare o criticare il corpo altrui; in parole povere, si tratta di un’azione arbitraria e immotivata, consistente nell’esprimere un parere assolutamente non richiesto; in parole ancora più povere, ma una padellina di fatti tuoi?

Body shaming, perché succede?

 

Sviscerare le profonde fondamenta originarie di tale fenomeno, non è cosa facile. Si potrebbe incolpare un disagio psicologico che manda in bug le funzioni cognitive; imputare il contesto socio-culturale (n.d.r. pure il contesto familiare, è sempre colpa delle famiglie cattive); si potrebbe dare la colpa alle “amicizie sbagliate”; incriminare i social network, che si sa, sono anche la causa del buco nell’ozono.

Insomma, prendendo in esame queste plausibili motivazioni e inserendole in un macro-sistema immaginario che ha lo scopo di generare un univoco risultato, il body shaming accade perché: le-persone-sono-bleah.

Come si manifesta il body shaming?

body shaming
Il body shaming si può manifestare in tanti modi, dai più lampanti a quelli meno palesi, ma tutti parte del già citato macro-sistema che risolve tutto in “BLEAH”.

Ma attenzione a non travisare, mi raccomando: “non è una critica la mia, solo un consiglio”; “non voglio generare una polemica, faccio solo un’osservazione”; “quando ho detto ‘grassa’, intendevo meravigliosamente sinuosa in armonia con il cieli e le stelle, hai capito male”; “lo dico per la tua salute, ho una laurea in Parlo In Mezzo con specializzazione in Pareri Inutili”.

Questi, di solito, sono gli stessi che ti urtano al supermercato spingendoti e, con ostentata sorpresa, “uh, non ti avevo visto!”.

Sui social network, poi, il più delle volte il body shaming proviene da profili persino privi di riferimenti identificativi: “che brutti capelli che hai”, disse uno stempiato invisibile.

Il body shaming fatto bene, è pure pignolo! D’altronde è chiaro che se il tuo ombelico è profondo soltanto mezzo centimetro e non uno e mezzo, sei in difetto.  O se la tua rotula del ginocchio sinistro è proiettata verso Nord e non verso Nord-Est, sei un mutante. O se c’hai gli occhi con delle leggere venature dorate, onestamente ricordi assai Edward Cullen quando scruta con enfasi Bella Swan.

Come combatterlo?

 

Body shaming

In conformità a tutti i trattati scientifici che discutono il tema, al parere di psicologi, analisti, luminari del mondo intero e all’autorevole parere dei più grandi esperti, per combattere il body shaming…

devi fottertene altamente! E fai un pernacchio.

Photo Credit: freepik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.