Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), cos’è davvero, come si manifesta, come possiamo riconoscerla.

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), cos’è davvero? Cosa intendiamo quando parliamo di problemi di deficit di attenzione e iperattività? Quante volte ci si trova a pensare: “Certo che questo bambino è proprio fuori controllo!” O ancora: “Perché i genitori non riescono a dargli regole?”.

Può capitare, infatti, di incontrare bambini che sembrano non riuscire a stare mai fermi, non sono in grado di concentrarsi su un’attività o a controllare il proprio comportamento, causando grande frustrazione e senso di impotenza negli adulti attorno a loro.

Iniziamo a mettere l’attenzione anche sui bambini stessi. Anche loro sembrano sofferenti a causa di queste difficoltà che possono condizionare i rapporti in famiglia e a scuola.

Ricordiamoci sempre che…

La-sindrome-da-deficit-di-attenzione-e-iperattivita-ADHD
Come prima cosa è importante ricordarsi che non è colpa di nessuno, né dei genitori né dei bambini stessi. Quando, infatti, ci troviamo davanti a bambini disattenti, iperattivi e impulsivi e sembra che questi sintomi interferiscano con la vita quotidiana, molto probabilmente è il caso di rivolgersi a un professionista.

Sotto a queste difficoltà potrebbe nascondersi la Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), uno dei più comuni disturbi dello sviluppo del bambino e dell’adolescente.

Iniziamo a capirne di più!

La-sindrome-da-deficit-di-attenzione-e-iperattivita-ADHD
Attualmente, la ricerca stima il disturbo attorno al 4% ed è stato identificato in tutte le culture e nazioni studiate. Il disturbo sembra essere presente in misura maggiore nel genere maschile.

I primi sintomi, solitamente, si manifestano dopo i 4 anni e aumentano con l’ingresso nella scuola primaria con l’aumentare del carico di compiti cognitivi.  La Sindrome da deficit di attenzione e iperattività è caratterizzata da due macro classi di sintomatologia:

  • Disattenzione
  • Impulsività e Iperattività

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività: su cosa dobbiamo fare più attenzione…

La-sindrome-da-deficit-di-attenzione-e-iperattivita-ADHD
Le combinazioni dei sintomi, che devono durare da almeno 6 mesi, sono diverse e possono non essere facili da individuare.

In generale la sindrome può essere classificata in tre forme diverse:

  • classica, caratterizzata da iperattività, impulsività e disturbo d’attenzione;
  • una meno frequente e più difficile da riconoscere in cui compare solo il deficit di attenzione (presente soprattutto nelle femmine);
  • e una terza, caratterizzata da prevalente iperattività e impulsività.

Gli effetti collaterali dell’ADHAD.

Effetti-collaterali-ADHD
I bambini con ADHD, inoltre, possono avere altre difficoltà, di apprendimento e/o relazionali. Spesso, inoltre, sviluppano una scarsa autostima e uno scarso senso di efficacia.

Queste difficoltà possono essere conseguenti al Disturbo di deficit dell’attenzione e iperattività, oppure non essere associate, ma complicare il quadro psicopatologico.

Come è possibile vedere il quadro del disturbo è tutto fuorché di semplice individuazione ed è fondamentale rivolgersi a un professionista, in primis al proprio pediatra.

Non bisogna mai sottovalutare le difficoltà che osserviamo o che gli insegnanti riportano e non aver paura a chiedere al proprio pediatra a quale struttura sul territorio rivolgersi.

Non dobbiamo mai avere paura degli specialisti e delle diagnosi!

Non-avere-paura-della-diagnosi
La Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività, come tutte le sindromi del sviluppo, va diagnosticata in una struttura che abbia al suo interno medici e psicologi in grado di formulare una diagnosi e impostare un piano di intervento.

Non bisogna avere paura di rivolgersi ai professionisti. Prima si identifica il problema, prima è possibile mettere in campo tutti gli strumenti per dare possibilità ai bambini con ADHD di vivere con maggiore serenità a scuola e a casa!

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.