Compiti per le vacanze sì o no?

Studiare durante l’estate sì o no? La parola alla nostra psicologa esperta in infanzia Eugenia Giovanna Campanella.

Compiti per le vacanze sì o no? A Giugno di ogni anno, puntuale come il 730, ri-scoppia la polemica sui compiti estivi.
Sono utili?
Sono inutili?
Tolgono tempo ai bambini di giocare, fare sport, passare del tempo con i genitori? Cerchiamo di capire cosa dicono le due diverse fazioni.

Chi dice no ai compiti delle vacanze?

Compiti per le vacanze sì o no
Photo Credit: a3pfamily on Freepik

Esperti e genitori contro i compiti delle vacanze sostengono che nessuno ne abbia dimostrato scientificamente l’utilità. Maurizio Parodi, dirigente scolastico a Genova, porta a sostegno della sua tesi i dati dell’OCSE del 2017. I bambini italiani, infatti, studiano il doppio rispetto alla media europea e sono solo 34° nella classifica mondiale dell’alfabetizzazione. Secondo Parodi, quindi, l’utilizzo dei compiti è se non errato, inutile.

Specialmente se i compiti, una volta fatti, non vengono corretti.

Chi dice sì ai compiti delle vacanze?

Compiti-per-le-vacanze-si-o-no
Photo Credit: Freepik.com

Giorgio Israel, docente per 40 anni di Matematica a La Sapienza, in un’intervista sul quotidiano La Stampa nel 2015, sì è detto favorevole ai compiti.

Punti a favore dei compiti?

Insegnare loro a “fare da soli”, imparare utilizzare il tempo libero (non solo con il tablet in mano!), tenere allenato il cervello.

Devono, però, essere compiti intelligenti e non ripetitivi. Ma soprattutto, a detta di Israel, i ragazzi devono leggere il più possibile.

Come ci inseriamo in questo (estenuante) dibattito?

Compiti per le vacanze sì o no
Photo Credit: Freepik.com

Prima di tutto è importante ascoltare le ragioni di tutte le parti in causa: bambini, genitori e insegnanti.

In secondo luogo, possiamo notare che entrambe le “fazioni” hanno una comune richiesta: comprendere di più le esigenze di apprendimento dei ragazzi.

Questa strada è perseguibile?

Certamente.

Esistono tanti modo per tenere comunque la mente allenata.

Photo Credit: Freepik.com

Manuela Cantoia, psicologa, evidenzia l’importanza di personalizzare il percorso scolastico, ponendo l’attenzione sul bisogno del singolo alunno. I compiti, quindi, devono essere un allenamento, ma anche una possibilità per rinforzare le competenze più deboli.

Esistono tanti modi per aiutare i ragazzi a tenere la mente in allenamento e possono essere diversi: un diario delle vacanze, attività artistiche e compiti di matematica “alternativi”, film o cartoni in lingua originale da vedere.

La lettura, poi, mette d’accordo tutti: leggere, leggere, leggere.

L’obiettivo finale è cambiare il punto di vista: compiti non più come una punizione, ma come una possibilità, anche di uscire dal tracciato già battuto dei 9 mesi di scuola.

Photo Credit: rawpixel.com on Freepik

Eugenia Giovanna Campanella

Eugenia è di Milano classe 1992. Sin da piccola Eugenia voleva fare la paleontologa, ma ha fatto la psicologa infantile per collaudare giochi per bambini. Di lei dice: "Parlo così tanto che ho pensato bene di specializzarmi in psicologia del linguaggio."

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.