Compiti per le vacanze sì o no?

Studiare durante l’estate sì o no? La parola alla nostra psicologa esperta in infanzia Eugenia Giovanna Campanella.

Compiti per le vacanze sì o no? A Giugno di ogni anno, puntuale come il 730, ri-scoppia la polemica sui compiti estivi.
Sono utili?
Sono inutili?
Tolgono tempo ai bambini di giocare, fare sport, passare del tempo con i genitori? Cerchiamo di capire cosa dicono le due diverse fazioni.

Chi dice no ai compiti delle vacanze?

Compiti per le vacanze sì o no
Photo Credit: a3pfamily on Freepik

Esperti e genitori contro i compiti delle vacanze sostengono che nessuno ne abbia dimostrato scientificamente l’utilità. Maurizio Parodi, dirigente scolastico a Genova, porta a sostegno della sua tesi i dati dell’OCSE del 2017. I bambini italiani, infatti, studiano il doppio rispetto alla media europea e sono solo 34° nella classifica mondiale dell’alfabetizzazione. Secondo Parodi, quindi, l’utilizzo dei compiti è se non errato, inutile.

Specialmente se i compiti, una volta fatti, non vengono corretti.

Chi dice sì ai compiti delle vacanze?

Compiti-per-le-vacanze-si-o-no
Photo Credit: Freepik.com

Giorgio Israel, docente per 40 anni di Matematica a La Sapienza, in un’intervista sul quotidiano La Stampa nel 2015, sì è detto favorevole ai compiti.

Punti a favore dei compiti?

Insegnare loro a “fare da soli”, imparare utilizzare il tempo libero (non solo con il tablet in mano!), tenere allenato il cervello.

Devono, però, essere compiti intelligenti e non ripetitivi. Ma soprattutto, a detta di Israel, i ragazzi devono leggere il più possibile.

Come ci inseriamo in questo (estenuante) dibattito?

Compiti per le vacanze sì o no
Photo Credit: Freepik.com

Prima di tutto è importante ascoltare le ragioni di tutte le parti in causa: bambini, genitori e insegnanti.

In secondo luogo, possiamo notare che entrambe le “fazioni” hanno una comune richiesta: comprendere di più le esigenze di apprendimento dei ragazzi.

Questa strada è perseguibile?

Certamente.

Esistono tanti modo per tenere comunque la mente allenata.

Photo Credit: Freepik.com

Manuela Cantoia, psicologa, evidenzia l’importanza di personalizzare il percorso scolastico, ponendo l’attenzione sul bisogno del singolo alunno. I compiti, quindi, devono essere un allenamento, ma anche una possibilità per rinforzare le competenze più deboli.

Esistono tanti modi per aiutare i ragazzi a tenere la mente in allenamento e possono essere diversi: un diario delle vacanze, attività artistiche e compiti di matematica “alternativi”, film o cartoni in lingua originale da vedere.

La lettura, poi, mette d’accordo tutti: leggere, leggere, leggere.

L’obiettivo finale è cambiare il punto di vista: compiti non più come una punizione, ma come una possibilità, anche di uscire dal tracciato già battuto dei 9 mesi di scuola.

Photo Credit: rawpixel.com on Freepik

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.