Cosa cambia dopo il matrimonio? Lo spazio!

Cosa cambia dopo il matrimonio? Lo spazio! Perché in due si riduce drasticamente.

Lo spazio con il matrimonio cambia… eccome se cambia! Si parla spesso degli effetti del matrimonio sulla vita di coppia e, forse, pretendere di prevederli tutti sarebbe quasi impossibile. Come direbbe una persona saggia qualsiasi: ogni matrimonio è fatto a modo suo.

Lo spazio con il matrimonio, tutti i drastici cambiamenti…

Lo-spazio-con-il-matrimonio
Questo perché la dimensione spaziale in cui si svolge la vita di coppia assume connotazioni proprie che, si potrebbe dire, non abbiano un bel niente in comune con quelle di tutto il resto del mondo.

Nella casa di una coppia di sposi ci sono spazi equamente divisi, altri che non lo sono poi tanto ed altri ancora che non lo sono affatto. Ciò si auto-determina in base ad una semplicissima proporzione matematica il cui risultato è sempre: spazio della moglie > spazio del marito.

Parliamo di proporzioni…

Lo-spazio-con-il-matrimonio
È una prevedibile conseguenza quindi che 6 cassetti siano della moglie, 1 del marito; 5 ante della moglie, 1 del marito; 3 scaffali della moglie, 1 del marito. Inutile continuare.

Suddetta proporzione matematica si riflette spesso anche nella divisione dei – chiamiamoli così – beni comuni: le sedie del salotto, ad esempio, converrete tutti che 5 sono della moglie, 1 del marito; così pure il divano, di cui 2/3 sono della moglie, 1/3 del marito.

Parliamo del letto…

Litigare-per-lo-spazio

Badate bene: non si tratta di una questione di prepotenza. Non è altro che l’applicazione di una legge naturale che trova la sua espressione nelle proprietà casalinghe.

La questione più spinosa di tutte è quella del letto. Seppur si pensi sia insita nella vita di coppia una perenne e inscindibile unione, nulla di tutto ciò vale nel letto.

Un letto matrimoniale (e il “matrimoniale” lascerebbe intendere il suo essere perfettamente adatto al caso, ma non è così) non basta più. Perché? La donna guadagna di diritto più spazio nel letto, l’uomo ne perde. È scientificamente provato (da scienziate mogli) che lo spazio del letto dedicato al marito sia pari alla lunghezza/larghezza del marito stesso in posizione perfettamente diritta. Non è ammesso, nella sua proprietà privata, spazio per gambe accavallate, braccia incrociate dietro la testa, rannicchiamenti e posizioni fetali. La posizione perfettamente diritta di cui dicevamo, appunto, è ritenuta sufficiente per il riposo del marito.

Tutta una questione di equilibrio…

Litigare-per-lo-spazio
Si dice che risolta la questione degli spazi, per moglie e marito sia tutto in discesa. Stabilito quel delicato equilibrio che rispetta i criteri di suddivisione spaziale della casa, il matrimonio diventa finalmente un gran bel matrimonio.

E se un marito sfrontato pretendesse più spazio? Divorziate… è un prepotente!

Per altri contenuti della nostra Fran Gingery potete visitare il suo sito Gingery oppure la sua pagina Instagram. Il consiglio è di non perdersi nemmeno un suo meraviglioso post!

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.