Come smettere di essere sottona

Forse sapete chi è una sottona… ma sapete come smettere di essere una sottona? Come si fa a non essere più lo zerbino dell’uomo che ci piace o del nostro compagno? Ecco tutto quello che dovete assolutamente sapere!

Smettere di essere una sottona è l’ossessione della maggior parte di ragazze che si approcciano a me come Love Coach e al mio Metodo (vi ricordo che il mio manuale di consigli d’amore lo trovate QUI).

Nessuna di noi, infatti, vuole essere la donna da dare per scontata. Quella che possiamo mettere su una mensola a prendere polvere, perché tanto sappiamo che c’è sempre. Tutte noi, invece, ambiamo a essere la donna della sua vita. La persona speciale per cui scalare torri incantate, uccidere draghi malefici e sfidare streghe perfide.

E cosa succede se ci rendiamo conto che siamo delle sottone? Che quando ci piace qualcuno diventiamo degli zerbini sempre pronte a farci calpestare?

Per prima cosa dobbiamo essere sicure delle nostra sottonaggine e per farlo il consiglio è di fare il nostro test che trovate QUI. Una volta appurata questa tendenza arriva il momento di rimboccarsi le maniche e lavorare per invertire la tendenza.

Da cosa parte il nostro essere sottone…

come-smettere-di-essere-sottona

Per capire come togliersi definitivamente l’etichetta di sottona dobbiamo accettare che tutto parte dalla paura. Paura sia di perdere chi amiamo ma anche e soprattutto di restare sole.

Quello che, infatti, fa scattare il meccanismo di azzerbinamento è proprio questo. Si ha talmente paura di perdere chi ci sta a cuore che vogliamo accontentarlo in tutto e per tutto… a qualsiasi costo.

Arriviamo ad anticipare qualsiasi necessità del nostro partner. Che sia annullare qualsiasi appuntamento per correre da lui, che sia vestirci assecondando i suoi desideri (e mai i nostri) che sia dire sempre e solo sì a qualsiasi proposta.

Ovviamente farsi carina per il nostro compagno e cercare di renderlo felice in maniera sana va benissimo. Come sempre ci vuole equilibrio e il troppo storpia. Perché annullarci per qualcuno (che sia un uomo, un’amica, un membro della famiglia o il nostro capo) non va mai bene.

Non va bene soprattutto perché essere sempre così accomodante ci espone a vari rischi fra cui quello di perdere di vista chi siamo e quali sono i nostri desideri. Dobbiamo ricordarci che l’amore è scegliersi ogni giorno. Non esistono mai garanzie (nemmeno il matrimonio o dei figli lo sono) e che quando ci innamoriamo dobbiamo necessariamente accettare il rischio di perdere chi ci è accanto.

Rimedi alla sottonaggine

come-smettere-di-essere-sottona

Una volta capito che l’essere sottona parte dalla paura e che il primo vero rimedio è accettare la possibilità di perdere chi amiamo, già siamo a metà strada. Accettare il rischio che possiamo non piacere a qualcuno, che all’improvviso l’altro possa smettere di essere interessato e amarci o peggio incontrare una terza persona ci libera.

Ci libera dall’ansia di non essere abbastanza (se volevate approfondire l’argomento cliccate QUI), da quella paura di non valere e di non essere importanti per chi amiamo. Credetemi, una volta fatto questo step tutto il resto è davvero semplicissimo.

Tutti gli altri metodi per capire come smettere di essere sottona sono pratici ma sono sicuramente conseguenza di questo principio base. Noi, però, li approfondiamo comunque:

  • Non rinunciare a un appuntamento con le amiche solo perché lui vi vuole vedere.
  • Non rinunciare alle vostre amiche solo perché non gli sono simpatiche.
  • Rinunciare a un vostro interesse solo perché non lo condividete.
  • Non venire inglobate dalla sua famiglia solo perché a lui fa piacere così.
  • Non rinunciare al lavoro dei vostri sogni per lui

Insomma in poche parole quello che dovete evitare è di accontentarlo sempre e comunque. Costruire una relazione che funziona, infatti, significa rinunciare a qualcosa di sé entrambi.

Non dovete rinunciare a tutto voi per lui ma mantenere sempre e comunque un buon equilibrio!

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.