ChezMadeleine In love – la lettera di Lucrezia Posta del cuore

Oggi sul mio indirizzo di posta elettronica [email protected] ho trovato questa richiesta di aiuto. Ho pensato di condividerla con voi e di rispondere direttamente qui sul blog:
Ciao Madeleine mi chiamo Lucrezia,
seguo il tuo blog e mi piacciono molto i tuoi post sulle questione “amorose”. Ti scrivo perché ho un piccolo problemino di cuore e forse tu mi puoi aiutare…
C’è un ragazzo di cui sono innamorata follemente, ma la nostra è una relazione complicata. Lui sta vivendo una sua crisi personale e non sa se intraprendere o meno una storia con me. All’inizio mi aveva detto che non era stabile e quindi non avrebbe potuto darmi niente per il momento, perchè meritavo tanto. Poi ha controllato il mio cellulare e ha letto delle conversazioni friendly con i miei amici e colleghi. Si è arrabbiato molto e ha detto che non sono affatto la donna per lui.
Cosa mi consigli?
Cara Lucrezia,
vorrei subito ringraziarti per esserti rivolta a me. So perfettamente come ti senti, perché non c’è niente che ci fa battere più il cuore di un uomo che ti sfugge, che è problematico e non sa se ci vuole. Il problema è che queste situazioni, che a noi sembrano uniche e disastrose, in realtà sono un clichè. Il “ti meriti tanto” che ho letto nella tua lettera è parente stretto del “ti meriti più”, una delle frasi che preannunciano un’imminente catastrofe, insieme a “non sei tu sono io”, “ti lascio perché ti amo troppo” e simili!
Adesso sarò un po’ dura, ma lo faccio per te. Se vuoi davvero conquistare questo ragazzo, di cui sei follemente innamorata, accettare la verità è fondamentale. Se si vuole raggiungere l’obiettivo bisogna essere fredde, glaciali e spietate. un po’ più Maleficent e molto meno la Bella Addormentata. Raccontarsi storielle non porta da nessuna parte.
Anche se hai scritto poco, credo di avere inquadrato perfettamente la situazione perché il tuo è un caso da manuale. La verità è che non gli piaci abbastanza. Abbastanza da impegnarsi e fare sul serio. Adesso io aggiungerei un bel per ora! Se no che mi hai scritto a fare 😉
Il fatto che abbia preso il tuo telefono e davanti a delle conversazioni friendly ti abbia detto che non sei la donna per lui vuol dire che non ha il fegato per affrontarti. E che si tiene sempre aperta la possibilità di riprenderti quando vuole.
Una delle regole fondamentali quando si è impegnate nella conquista di un uomo è non dare punti fermi. Bisogna stupirli ed avere un comportamento che loro non si aspettano. Provo a farti un esempio. Pensa di essere in guerra, l’esercito nemico è sicuro di trovarti nel punto A, tu ovviamente ti fai trovare da un’altra parte e colpisci alle spalle. Perché fino a che non hai un anello al dito – e anche dopo in alcuni caso – lui è il nemico!!!!
In questo caso il punto A – cioè l’atteggiamento che lui si aspetta da te – è la supplica! Anche se non lo ammette, nemmeno a sé stesso, il tuo lui si aspetta che tu farai di tutto per smentire la brutta opinione che si è fatto di te, che piangerai, che pregherai e che proverai in tutti i modi a riprnedertelo. Ai maschietti questo piace. Si fingono seccati e asfissiati, ma in realtà serve a nutrire il loro ego. Tu, invece, dovrai sparire. Punto primo perché non vedo per quale motivo tu debba continuare a cercare uno che ti ha detto che non sei la donna per lui, punto secondo se provi a cercarlo in questo momento lui a stento ti risponderà e credimi sentirsi rifiutate non è mai una bella sensazione.
Ecco adesso cambia tutto!
BASTA
STOP!
FINE!
Basta telefonate – anche con numero privato – basta messaggi, basta WhatsApp, basta tutto. Sparisci, eclissati, evapora.
Vedrai che le cose cambieranno. Prova a mantenerti in silenzio per almeno cinque giorni – in realtà ne servirebbero dieci, ma dalle poche righe che mi hai mandato non riesco a capire se sei tanto determinata – e poi colpisci. Cioé imbattiti in un incontro casuale. Dagli la caccia, gira con aria svampita sotto casa sua, vai nei bar che lui frequenta, cerca di capire dalla sua pagina Facebook a quali eventi parteciperà e attaccalo alle spalle.
Quando ti vedrà sappilo non ne sarà assolutamente felice. Non crederà che l’incontro sia casuale – anche se non hanno tutto sto acume, a volte, i maschietti ci prendono – e penserà che il tuo silenzio sia stato una tattica. Si aspetterà da te due reazioni completamente opposte, che ti attacchi a lui come una cozza allo scoglio e che non lo mollerai per nessuna ragione al mondo, oppure che lo ignorerai completamente, o – peggio ancora – che lo aggredirai.
Ovviamente tu non farai nessuna di queste cose. Sgranerai gli occhi con aria sorpresa, lo saluterai amabilemente – come se fosse un qualsiasi vecchio amico – e dopo trenta secondi esatti lo saluterai. Non importa se ti sta dicendo quanto è felice di vederti, se ti ha proposto di prendere un caffé insieme o di fuggire sull’isola che non c’è. Tu te ne devi andare. E soprattutto non devi dare nessuna spiegazione.
Non c’è bisogno che gli fai l’elenco di tutti i tuoi impegni da qui al 2027 per giustificarti con lui per la tua maleducazione. Digli scusami, ma adesso devo proprio andare. Non aspettare nemmeno che lui ti risponda o ti saluti di nuovo. Sbatti le ciglia e alza i tacchi.
Vedrai che poi sarà lui a contattarti… fidati, questa è una scienza esatta!
Se anche voi avete bisogno di consigli di cuore scrivetemi pure all’indirizzo [email protected] sarò felicissima di rispondervi qui sul blog.

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.