La storia di Alessandra – Quando si seguono i consigli della Love Coach

Nell’ultimo episodio de La storia di Alessandra (che trovate QUI) lei aveva visto Michele litigare furiosamente con la sua fidanzata davanti al portone di casa loro. Lui l’aveva cercata un paio d’ore dopo perché voleva parlare, ma la mia ragazza – seguendo bene i consigli della Love Coach – aveva deciso di non essere più l’amica sempre pronta e disponibile.

All’inizio lei temeva molto la reazione di Michele: ‘Mi conosce troppo bene, capirà subito che c’è qualcosa che non va!’ ‘Cosa gli dico, come me ne esco quando vorrà una spiegazione?’. La verità è che fino alla sera del litigio Michele non si era quasi nemmeno accorto del cambiamento di Alessandra, lei era depressa e lo interpretava come un fattore negativo; io, invece, ero ottimista.

Quando si inizia un percorso di conquista di un uomo bisogna mettersi bene in testa che non tutte le azioni positive portano a risultati immediati. Pensate di essere sovrappeso e di dover perdere una ventina di chili, mica saranno una semplice insalata o una volta in palestra a farvi raggiungere il risultato sperato, ma mesi di insalate e palestre! Con gli uomini funziona allo stesso modo.

Come immaginavo il nostro obiettivo si sarebbe reso conto di botto che qualcosa nella sua amica era cambiato, che il loro rapporto non era più quello di prima e probabilmente lo shock lo avrebbe illuminato sui suoi reali sentimenti verso Alessandra, ma solo dopo un bel po’ di tempo…

Il giorno successivo all’incontro davanti al portone, infatti, Michele bussò direttamente a casa di lei. Per nostra fortuna non la trovò, Alessandra – come suggerito dalla Love Coach – aveva iniziato a frequentare un corso di danza del ventre. Era un po’ che ci pensava, ma non aveva mai trovato il tempo per farlo. La storia con Michele, però, la stava stressando così tanto che aveva pensato che un paio di ore a settimana di distrazione non avrebbero potuto farle che bene.

Per fortuna la madre era informata su come rispondere in occasioni simili – di solito non dovete dire a nessuno che seguite Il Metodo, tranne alle persone strategiche, come quelle con cui vivete o con cui lavorate se Mister Giusto è un collega – e si limitò a rispondere che non aveva nessuna idea di dove fosse la figlia. Così Michele si mise sotto al portone ad aspettarla, e passarono due ore buone prima che lei rientrasse, un’amica del corso l’aveva invitata a prendere un aperitivo e lei pure se non aveva voglia aveva preferito andare.

Quando finalmente Alessandro arrivò sotto al portone lui quasi l’aggredì: ‘Dove sei stata? Con chi sei stata?’. L’ultima cosa che Alessandra si aspettava era una scenata di gelosia!

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.