Come si comportano i maschi a San Valentino? Piccola guida per non acchiappare sole!

Se sei single, San Valentino è un momento critico, c’è poco da fare. Maschi e femmine che siano, disperati o felici, novelli o incalliti, tutti i single con l’avvicinarsi del 14 febbraio diventano più tesi e iniziano a riflettere su cosa fare – o non fare – per la festa degli innamorati.

Noi donne, si sa, diventiamo ansiose e paranoiche, ma i maschietti? Come si comportano quando San Valentino sta per arrivare? Proprio ieri mi sono dilungata in una chiacchierata con un mio amico tornato single da relativamente poco che vive in pieno la fase del ‘Sono finalmente libero e felice‘. Credo che come Love Coach sia mia preciso dovere conoscere quanto più possibile il pensiero del nemico!

E la chiacchierata sovracitata è stata illuminante!

A stupirmi è stato proprio il mio interlocutore, quando mi ha detto: “Sai, con San Valentino alle porte devo capire cosa fare…“. Ovviamente gli ho risposto che, essendo single non dovrebbe minimamente preoccuparsi di questo tipo di cose, ma lui, sicuro e baldanzoso, mi ha spiegato che il 14 febbraio tutte le ragazze single – anche quelle che non lo ammetterebbero nemmeno sotto tortura – rosicano se non hanno impegni per quella fatidica data. Così, qualora ricevessero un invito a cena, sarebbero… diciamo molto più bendisposte per il dopocena!

Poi mi ha raccontato che, al contrario, il suo migliore amico – un altro single incallito, di quelli allergici a ogni forma di impegno – inizia ad andare in paranoia per San Valentino già dal primo febbraio e preventivamente inizia ad allontanare tutte le ragazze con cui sta uscendo, non rispondendogli più al telefono, salvo poi rifarsi vivo verso il 16 del mese, come se niente fosse.

Direi che queste due sono le tipologie di maschi in cui è più facile incappare durante il periodo della festa degli innamorati: gli sciacalli e i paranoici. In generale entrambi sono pessimi esemplari di uomini, ma forse – alla lunga – fanno molto meno danni i paranoici rispetto agli sciacalli. Certo ci rimarrete male a vedere il tipo che avete puntato evaporare proprio in prossimità di San Valentino, ma è sempre meglio rispetto a chi vi porta a cena fuori solo per arrivare a un dopo cena bollente, salvo poi non farsi mai più sentire.

Per questo motivo vi esorto a tenere gli occhi aperti, è importante che capiate che San Valentino è un momento molto critico per le relazioni; se vedete che in questi giorni la vostra preda inizia a dare segnali di insofferenza, come rispondere a un messaggio su 5 o evitare di organizzare appuntamenti, cercate di non dare di matto e agite di conseguenza. Non lo pressate, fatevi i fatti vostri e magari per la sera del 14 febbraio organizzatevi con le amiche per andare al cinema, i ristoranti fossi in voi li eviterei, sono troppo affollati da coppiette. In questo modo una volta archiviato lo stress della festa degli innamorati, il vostro ‘lui’ non vi vedrà come una che gli sta troppo addosso e sarà più facile per voi applicare Il Metodo.

Se, invece, un ragazzo con cui uscite da poco – e con cui non siete ancora arrivati alla fase ‘4 salti in padella‘ – vi invita a cena, magari dicendovi cose del tipo ‘è una scusa come un’altra per andare a mangiare una cosa insieme’, alzate le antenne e valutate bene il da farsi. Non è detto che voi dobbiate declinare per forza l’invito, disgustate e offese, anzi… è importante, però, essere ben consapevoli che dietro questa improvvisa richiesta potrebbe esserci solo la voglia di passare una serata diversa e magari avere un dopocena molto soddisfacente e che, probabilmente, non c’è nessun impegno all’orizzonte. Saperlo prima, vi permetterà di gestire al meglio le cose, senza dovervi fare troppe illusioni o avere troppe aspettative.

Come spesso vi dico, essere pronte è sempre fondamentale per evitare grosse delusioni e riuscire a gestire al meglio le diverse situazioni in cui, vostro malgrado, potreste incappare.

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.