Regola n. 6 – Concludete sempre per prime le telefonate.

In questo post vi ho parlato del libro delle regole di Ellen Fein e Sherrie Schneider, e di come alcune di queste siano fondamentali per la conquista della vostra preda. Qui voglio approfondire con voi una delle più importanti: la numero sei – Concludete sempre per prime le telefonate.
Secondo il libro delle regole non si deve stare al telefono più di dieci minuti. Su questo punto non sono d’accordo. Dieci minuti possono essere un’eternità. Soprattutto all’inizio. Quelle lunghe conversazioni, in cui raccontate tutto di voi e lui vi racconta tutto di sé, è meglio averle dal vivo e non prima del terzo appuntamento, dopo sarebbe ancora meglio.
Il dictat nella prima fase è essere misteriose. I maschietti si annoiano presto, per questo vi dovete lasciare scoprire piano piano.
Tornando alle telefonate, la prima volta che vi chiama dovete essere molto gentili, ma interrompere la comunicazione prima che passino sessanta secondi. Non importa se non ha fatto in tempo a chiedervi di uscire, se davvero vi vuole vedere vi richiamerà. Nell’attaccare il telefono dovete essere molto amabili, ma irremovibili. Siete occupatissime e non potete continuare a parlare. Ovviamente non dovete dare mai e per nessun motivo spiegazioni. Dite, scusami ma adesso ti devo proprio lasciare. Basta! STOP! Non aggiungete altro, soprattutto non aggiungete la parola perché. Non vi sto chiedendo di mentire, in fondo è possibile che siate occupate, magari a limarvi le unghie o a guardare Via col Vento, ma non diteglielo!
Date l’impressione di essere dispiaciute nel dover interrompere la telefonata e fate capire alla vostra preda che c’è qualcosa che dovete assolutamente fare in quel momento. Non c’è niente che fa impazzire un uomo quanto qualcosa di più importante di lui, soprattutto se non ha idea di cosa sia questo “qualcosa”.
Il libro ci indica ben quattro frasi per interrompere gentilmente la chiamata, che sono sicura vi saranno utilissime.
_ “Ho un milione di cose da fare”
_ “Mi ha fatto piacere parlare con te.”
_ “A essere sincera, in questo momento sono presissima.”
_ “Ho una chiamata sotto.”
Mi raccomando nel pronunciarle siate amabili e gentili.
Si lo so, vi piace parlare… con lui chiacchiereste per ore e ore… vi viene naturale raccontare tutto di voi… ma mie care non state parlando con una vostra amica. Se sentite il bisogno di parlare con qualcuno potete sempre pagare un’analista o chiamare un numero di cartomanzia, loro saranno più che lieti di essere pagati per ascoltare le vostre elucubrazioni mentali. Fidatevi, saranno soldi ben spesi!

Per il resto, non potendo attenerci a quanto è scritto nel libro delle regole – visto che è stato pubblicato negli anni ’90, quando c’era la suoneria telefonica e i cellulari erano pochissimi, figuriamoci gli smartphone – vi dico che non sempre bisogna rispondere a whatsapp. Pensate a quanto vi fa stare sulle spine vedere che “lui” ha visualizzato il messaggio e non vi risponde, rendergli pan per focaccia vi darà tante soddisfazioni. Lo stesso dicasi per i messaggi Facebook!
Vi do altri tre piccoli consigli su come comportarvi al telefono. Primo, non rispondete mai prima del quinto squillo. In quesi pochi secondi lui si farà un sacco di domande sul perché abbiate bisogno di tanto tempo e questo aumenterà il vostro potere! Secondo, la domenica pomeriggio prendete l’abitudine di spegnere il telefono. Le domeniche – soprattutto quelle invernali – sono momenti di noia. Mister giusto penserà che potrebbe essere carino passare qualche ora con voi e ci rimarrà malissimo non ottenendo risposta. Se pensate di stare perdendo un’occasione ricordatevi, che voi non siete un ripiego. Se vuole stare con voi di domenica basta che si organizzi prima! E per ultimo il terzo consiglio. Di venerdì sera non rispondete al telefono per nessuna ragione al mondo. Se non avete un appuntamento con lui, siate irreperibili. Non importa se state fuori con le amiche o se state sul divano a leggere un romanzo giallo. Dovete lasciare attorno a voi un alone di mistero.
Come dicono Ellen Fein e Sherrie Schneider non fategli credere che siete la classica ragazza-tappezzeria, anche se è la pura verità!

Per farvi capire come funzionano gli uomini al telefono vi posto un divertente video tratto dal film “La dura verità”.

 

 

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine H.

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.