Le paure utili esistono?

Paure utili? Le paure e fobie spesso procurano un profondo senso di malessere. Altre volte, però, sono le paure che non esistono, che ci tornerebbero davvero utili.

Oggi ci facciamo e vi facciamo una domanda: le paure utili esistono? Le fobie possono essere legate a innumerevoli fattori, quali animali, altezze, luoghi, malattie, fenomeni atmosferici e tanto altro. Ma è pur vero che le stesse possono essere ricondotte ad altri preziosi elementi, quali il genio, l’astuzia, la creatività e l’ingegno.

Fobie, fobie ed altre fobie

Parole come aerofobia, claustrofobia, acrofobia, aracnofobia, emofobia… insomma, le parole che terminano in -fobia, sono ormai piuttosto note. Volofobia, postichiusifobia, socialitàfobia, ragnofobia, sanguefobia, sarebbero state un pelo più immediate, certo, ma è pur sempre chiaro si tratti dell’identificazione di un disagio.

Così, da quando l’Homo Sapiens ha scoperto la postura eretta, ha creduto d’essere il più furbo. Prima, ha trasformato la busta della spesa in una shopper d’alta moda, poi, ha pensato che avrebbe potuto inventarsi anche le paure che non esistono .

Fobie di circostanza ed altre scappatoie

Più che onesta, la freddofobia che la mattina ti impedisce di abbandonare il piumone per evitare lo shock termico. Avrebbe persino validità certificata come giustificazione per la scuola: motivi familiari, visita medica, influenza, freddofobia.

Lo stesso vale per la soldofobia, tipica durante la raccolta soldi per il regalo di compleanno di un amico. Tendenzialmente t’impedisce di partecipare con una quota superiore ai 3.50 euro, poiché poi hai soltanto la banconota da 10 euro e guai a cambiarla. “Scusate, sono soldofobico”.

Poi c’è la caffèalbarfobia: “non posso prendermi il caffè al bar con te, una volta o l’altra: è che c’ho la fobia”.

Con la sbucciofobia, mannaggia, non puoi proprio sbucciarti la frutta da solo, perché ti parte l’orticaria al solo pensiero.

Ancora, la chiamalotufobia, che ti rende incapace di comporre il numero telefonico del tuo medico curante per chiedergli la ricetta dell’aspirina. “Chiamalo tu, mamma: è che c’ho la fobia, lo sai”.

Una sola regola: siate originali!

Se per un attimo hai pensato che la parola “hipopotomonstrosesquipedaliofobia” fosse perfetta per indicare la paura delle parole lunghe, fai un passo indietro. Un masochista ci ha già pensato.

Già socialmente accettata, la chiacchieramattutinafobia. Sintomi? Un’irrefrenabile irritazione uditiva scatenata da un eccesso di onde sonore prima delle 12:00. È la mia.

Photo Credit: freepik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.