Paure e strumenti per sconfiggerle

Oggi parliamo di paure e strumenti per sconfiggerle! La paura è un istinto naturale, può trattarsi di un’emozione passeggera o di un impulso più profondo, ma ognuno di noi ha paura di qualcosa.

Argomento di oggi: Paure e strumenti per sconfiggerle. La paura ha infinite identità: può focalizzarsi su un oggetto vivente o no, su una situazione, su qualcosa di apparentemente inspiegabile o su quella macchia sopra il muro che sembra il volto del demonio.

Eppure, non è del tutto negativa, perché la paura ci mette in guardia dai pericoli (pensate se non l’avessi visto, quel demonio) e ci permette di affrontarli (o chiedere a qualcuno di farlo per noi).

Azioni e reazioni direttamente proporzionali alla paura

paure-e-strumenti-per-sconfiggerle
Di fronte a una minaccia quindi, vera o percepita che sia, non possiamo fare a meno di reagire, partorendo una risposta che sia giustamente equiparabile agli anni di vita perduti durante quel tumulto. Il volto del demonio sul muro? 10 anni, all’incirca.

Se parliamo di paure e strumenti per sconfiggerle bisogna parlare di reazione. Sapete che ce ne possono essere tantissime? Eppure, nonostante queste differiscano per natura, pulsioni e predisposizione del soggetto ad essere spaventato (poco, abbastanza, davvero tanto, a morte), c’è qualcosa che ci unisce.

Le paure che ci uniscono

paure-e-strumenti-per-sconfiggerle

Bocca secca, tachicardia, respiro corto, tensione muscolare, sudorazione, la luce in fondo al tunnel e una signora vestita di bianco che fa ciao, sono solo alcune delle sensazioni più comuni.

Quella comunissima paura per gli insetti, si traduce, garantito, in una reazione a catena che fa più o meno così: urlo, salto indietro, urlo, urlo, doppio salto indietro, mano in petto, abbandonare la naveeeeeee. Perché il ragno, solo e abbandonato, affronterà il rifiuto cercandosi dei nuovi amici.

Paura del buio? Spegni la luce e corri più forte che puoi, che il fantasma, certamente, di correre non c’ha voglia, sai che stanchezza.

Atavica, poi, la paura che il mostro sotto il letto ti tiri il braccio penzoloni e il piede fuori dal lenzuolo. Niente panico! Trasformati in un baco da seta e resta immobile, andrà tutto bene.

Temi uno scontro rovinoso contro il muro? Chiudi gli occhi! Se non lo vedi, il muro non esiste.

Una delle paure peggiori è causata da quel serpente che si nasconde dentro il water, pronto ad attaccarti non appena ti ci siedi. Per frenare la sua ira è sufficiente gettarci dentro uno strato di carta igienica doppio velo: la tua Grande Muraglia Cinese.

Non da meno, quel rumore proveniente dal salotto, che per ascoltare meglio interrompi pure il tuo respiro. E poi, fissi l’oscurità aspettando il sopraggiungere del male, per dargli il benvenuto.

Come sconfiggere le tue paure?

paure-e-strumenti-per-sconfiggerleAffrontare le paure è l’unico modo per sconfiggerle. L’arma vincente è a portata di mano: chiama il 911 e scappa verso il Paraguay.

Photo Credit: freepik.com

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.