Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore, la fine di un amore secondo me

Giravano rumors già da qualche tempo, ma dopo le foto pubblicate da Chi che ritraggono Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci fuori dal tribunale accanto ai rispettivi avvocati, non ci sono più dubbi. La loro storia è arrivata al capolinea. E già la rete, i parrucchieri, i bar e tutti i luoghi dove in genere noi donne ci riuniamo sono un tripudio di Eh, io lo sapevo; Lei stava con lui solo per i soldi; Probabilmente lui avrà una più giovane; Ma hai visto che mantenimento ha ottenuto lei? E così via.

La storia potrebbe essere abbastanza da cliché: lei è una giovane starlette in cerca di visibilità, lui un uomo molto ricco, in vista, con molti anni più di lei, ma diciamo non proprio il prototipo del Principe Azzurro. Ovvio che lei stia con lui solo per il suo conto in banca. Altrettanto ovvio che lui stia con lei solo perché è giovane e carina.

Ma ne siamo proprio sicuri?

Perché il buon Briatore prima di mettersi con la star di Made in Sud, stava un attimo un attimo con bellezze del calibro di Naomi Campbell e Heidi Klum, le donne più belle del pianeta mica pizza e fichi. E lei nel 2005, quando si sono incontrati e fidanzati, se proprio voleva uno con i soldi si sarebbe potuta mettere con un calciatore qualunque come prima e dopo di lei hanno fatto tantissime starlette nostrane. Insomma mettersi con uno che ha tanti soldi, ma che allo stesso tempo fosse anche giovane e carino, no?

Eppure quando c’è di mezzo un’enorme differenza d’età pare che l’unico collante siano i soldi.

Io non conosco nessuno dei due personalmente per cui le mie sono solo supposizioni, tra l’altro l’ultima cosa che pensavo di fare nella vita era la difesa d’ufficio di Elisabetta Gregoraci che credo abbia fondi sufficienti per un avvocato come si deve. Solo che a me tutti questi stereotipi proprio non piacciono. Soprattutto, però, io penso che se la Gregoraci quando ha conosciuto Flavio Briatore si è guardata allo specchio e si è detta ‘io nella vita voglio i soldi, per me sono la cosa più importante’, allora ha fatto benissimo tutto quello che ha fatto.

Nella vita non siamo tutti uguali e non per tutti valgono le stesse cose. Se si mette in cima alle priorità la sicurezza economica e si ha anche l’onestà mentale di capire che i soldi vengono prima di tutto, allora non c’è niente di male a scegliere un uomo per il proprio portafogli. Il problema nasce quando ci si vuole illudere per forza di essersi innamorata di qualcuno per altre doti, quando non è così. Perché poi il conto arriva sempre.

E fate quelle facce disgustate quando leggete che non c’è niente di male a scegliere un uomo per i suoi soldi, se per noi sono molto importanti. Noi non siamo nessuno per giudicare le scelte altrui, perché poi a conti fatti io non so quante nei panni della Gregoraci avrebbero rinunciato a un uomo ricco e di successo, intelligente, preparato e, immagino, anche con il suo fascino.

Photo Credit: MilanoReporter.it

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.