Da ‘Un anello da Tiffany’ di Lauren Weiseberger alcune perle di Adriana – L’approccio sbagliato

Negli scorsi giorni mi è ricapitato tra le mani Un anello da Tiffany di Lauren Weiseberger e ho iniziato a rileggerlo. Ovviamente ho prestato particolarmente attenzione alla parte dedicata ad Adriana ed ho rtrovato delle perle di saggezza che devo assolutamente condividere con voi.

Per prima cosa se avete seguito il mio consiglio e comprato il mio libro, correte a prendere l’evidenziatore e rileggetevi almeno duecento volte la parte che va dalla pagina 271 a 279. Otto pagine fondamentali! Da imparare a memoria. Perché in quella parte la nostra Adriana dà il meglio di sé.

Qui vi riporterò comunque le parti più salienti, perché penso che potrebbero davvero esservi utili:

Poi, prima che Adriana potesse fermarla, Mackenzie si voltò verso il tipo favoloso, gli batté insistentemente sul braccio e si schiarì la gola. Non sembrò rendersi conto di interrompere la sua conversazione con un’altra invitata, né vide la espressione sorpresa e vagamente irritata.

<Allo!> disse 
(Adriana NDR) disse, enfatizzando il suo accento brasiliano. <Io sono Adriana. Ti dispiace se ti rubo la mia amica per un momento?> Mackenzie aprì la bocca per obiettare, ma Adriana si prese la libertà di pizzicarle il braccio.

Adriana sospirò e controllò che Dean fosse occupato in un’altra conversazione prima di continuare <Non… Non lo voglioper me, querida. È solo che non potevo lasciarti continuare. Eri così…> Adriana cercò un altro termine più gentile, ma era già molto stanca. <Così come?> insisté Mackenzie. <Così disperata.>

<Non ero disperata> sussurrò Mackenzie. <Cercavo di essere solo amichevole.> Ah, la storia dell’amichevole. Adriana si sentì trasportare all’istante negli anni dell’adolescenza, quando sua madre cercava di insegnarle quelle stesse cose e lei faceva esattamente le stesse obiezioni. Quasi sorrise all’epoca innocente. <Amichevole, espansiva, affascinante, chiamala come vuoi, il significato è sempre lo stesso: “disperata e disponibile”, quando sei tu a prendere l’iniziativa.>

Adesso avete capito meglio perché dico sempre di non attaccare mai bottone per prime?

 

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.