Quali sono i luoghi comuni sul Natale?

L’atmosfera natalizia è nell’aria ed ecco che iniziano a fare capolino… i luoghi comuni sul Natale!

Dicembre è senza dubbio il mese più magico dell’anno, non solo è anche quello io cui si sprecano i luoghi comuni sul Natale. Infatti, a suon di We wish you a merry Christmas, in groppa alle renne di Babbo Natale, arrivano puntuali anche loro.

I luoghi comuni sotto l’albero dal lontano Paleolitico

Ogni anno la storia è sempre la stessa: l’albero, il presepe, le luminarie, i Babbi Natali rampicanti sui balconi, i regali, i cenoni, gli auguri, la grandine che speriamo sempre sia neve ma è soltanto grandine, Gesù, Giuseppe, Maria e i Re Magi venuti dall’Oriente.

E più si avvicina il momento del Din Don Dan, più riscopriamo i vecchi soliti luoghi comuni… che non muoiono mai. Anzi, col tempo acquistano vigore e freschezza: sono eterni e immortali, come la Regina Elisabetta.

Nessuno è immune ai luoghi comuni

Dai luoghi comuni non si scappa ed è un’impresa piuttosto vana tentare la fuga, perché loro ti seguiranno, ti troveranno e ti costringeranno a dire sospirando: “ah… non ci sono più i Natali di una volta”. Andati, come le mezze stagioni.

i luoghi comuni s’insinueranno dentro di te mentre sei alla ricerca dei regali perfetti, facendoti sprofondare in un baratro di disperazione e incertezza: “quest’anno non faccio i regali a nessuno”, ti dirai, perché “non si sa mai cosa regalare”. E alla fine, pigiami per tutti.

Impiegherai giorni e giorni per progettare, organizzare e definire il menu. Tirerai fuori dalla credenza il servizio natalizio, le posate d’argento e pure qualche piatto usa e getta per quando inizia a mettersi male. E poi, al millesimo crostino con burro e salmone, sarai travolto da un impetuoso senso di colpa: “a Natale si mangia troppo”.

All’apice dei festeggiamenti, quando un familiare ti domanderà: “e il fidanzatino?”, “quando ti laurei”, “e i figli?”, sentirai crescere dentro te una rabbia funesta, un’aggressività repressa che non conoscevi. E sai perché, poi, ti calmerai? Perché a Natale siamo tutti più buoni!

Quindi per quest’anno niente Honolulu, perché il Natale è bello in famiglia.

Godersi il Natale e riscoprire lo spirito natalizio


Nonostante tutto, “Natale è sempre Natale”! Non conta con chi lo trascorri, né quanti pigiami ricevi, neppure se uccidi tua suocera (Babbo Natale ti perdona), o se anche stavolta avresti potuto smettere di mangiare, ma hai continuato a farlo.

L’importante è riscoprire lo spirito natalizio, apprezzare le piccole cose e godersi le feste in compagnia di chi ami (tranne la suocera, ormai è andata).

E se non ci vediamo… auguri a te e famiglia! 

Per altri contenuti imperdibili della nostra Gingery segui il suo meraviglioso blog!

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Gingery

Francesca ma per quelli che fanno sul serio Fran, classe '92, è di Napoli ed è laureata in Scienze della Comunicazione. Fran fa dell'ironia la sua arma segreta... una sorta di Chick Lit vivente!

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.