Idratazione in gravidanza

L’idratazione in gravidanza è davvero importante per le future mamme, oggi parliamo di tutti i benefici.

L’idratazione in gravidanza è importante sempre. Soprattutto con il caldo afoso di questi giorni. Mi ricordo che quando ero incinta  il mio ginecologo mi ha stressata moltissimo. Devi bere, bere e ancora bere!Addirittura bere molto era prioritario rispetto alla dieta e i chili da tenere sotto controllo. A ripensarci a distanza di quasi quattro anni aver bevuto tanto è stato importante visto che non sono molto ingrassata quando aspettavo Penelope.

Come sappiamo molto bene si dovrebbero bere almeno due litri d’acqua al giorno non solo in gravidanza. All’inizio della mia gravidanza non avevo molte difficoltà a bere quanto dovevo. Con il passare delle settimane, soprattutto se dovevo stare tutto il giorno fuori, non era più così facile.

La differenza tra i giorni in cui bevevo di più e quelli meno, però, era enorme. Sono molti gli aspetti per cui è importante l’idratazione in gravidanza, ve ne voglio sottolineare tre: le gambe più gonfie, un senso di fame maggiore e fare pipì che diventa molto più fastidioso.

Gambe gonfie, senso di fame e difficoltà a fare pipì…

Idratazione-in-gravidanza
Photo Credit: donnaglamour.it on Pinterest

Lo so che può sembrare un paradosso, perché l’idea è quella che più si beve più si fa pipì, ma in gravidanza il discorso diventa diverso. Quando ero incinta avevo la piccola che mi premeva sulla vescica per cui avevo sempre voglia di andare in bagno. Quando non bevevo a sufficienza la questione si faceva decisamente problematica… immagino che molte mamme capiscano perfettamente quello che voglio dire.

L’idratazione in gravidanza è importante perché bere molto migliora l’idratazione a livello epidermico. La pelle diventa più nutrita ed elastica e avrete meno problemi di smagliature e roba simile. Il punto, però, è che non tutte le acque minerali sono uguali e bisogna stare attenti a quale si sceglie. Alcune acque invece di aiutare i nostri reni a “pulire” l’organismo, necessitano di un lavoro extra da parte del nostro corpo che ne limita fortemente i benefici.

Bisogna scegliere la giusta acqua

Idratazione-in-gravidanza
Photo Credit: Marzia Bonetto on Pinterest

La prima cosa da fare quando si sceglie l’acqua da bere è sicuramente leggere bene l’etichetta della bottiglia. È molto importante controllare questi aspetti: il residuo fisso, il PH dell’acqua e il Sodio. Il residuo fisso, indica quanti sali minerali rimangono dopo l’evaporazione di un litro di acqua a 180°: un dato inferiore ai 50 mg/l ci evidenzia che la nostra acqua è poco mineralizzata e favorisce una maggiore diuresi; se il nostro dato è compreso tra i 50 mg/l e i 500 mg/l, l’acqua  è considerata oligominerale e va benissimo per il consumo quotidiano; quando ci troviamo di fronte a un dato superiore ai 500 abbiamo a che fare con un’acqua considerata minerale ed indicata soprattutto per riassorbire i sali minerali dopo un’intensa attività fisica, ma non per l’uso quotidiano.

Il PH, invece, è l’indicatore che ci rivela il grado di alcalinità o di acidità dell’acqua: se è uguale a 7 lo definiamo neutro, sopra questo dato ci troviamo di fronte a un’acqua alcalinica o acida, al di sotto, invece, la consideriamo basica. La scelta del PH dovrebbe essere fatta in base all’alimentazione, anche se la maggioranza delle acque in commercio sono quasi tutte neutre.

L’idratazione in gravidanza aiuta anche a ridurre la ritenzione idrica e a non prendere troppo peso.

Idratazione-in-gravidanza
Photo Credit: Chi Tarver on Pinterest

Un altro dato a cui bisogna prestare la massima attenzione è il sodio disciolto in acqua, che deve essere presente nelle giuste quantità nel nostro organismo. Le acque a basso contenuto di sodio in gravidanza sono comunque preferibili vista la nostra tendenza alla ritenzione idrica e alla pressione più alta.

E voi riuscite a mantenere costante l’idratazione in gravidanza e soprattutto dopo, quando arrivano i piccoli?

Mia cara,

grazie per aver letto tutto l'articolo e non essere passata oltre. Per noi significa molto perché fa sentire il nostro lavoro apprezzato.

Forse avrai notato che abbiamo eliminato le pubblicità dagli articoli e che non ci sono più post sponsorizzati. Siamo convinte che per tenere alta la qualità bisogna saper fare anche delle rinunce.

Se ti piace quello che facciamo e vuoi aiutare madeleineh.it a restare libera da pubblicità, puoi sostenerci come indicato qui, oppure se ti va puoi offrirci una tazza tè!

Grazie da me e dal mio staff,

Madeleine H.

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento

Rispondi

La tua email non sarà mostrata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.