Botox, silicone e tirature selvagge… ma perché?

Quando vedo certi scempi della chirugia estetica, l’unica domanda che riesco a farmi è solo una: ma perché?
Perché donne bellissime si devono per forza ridurre come tante donne gatto? Tutte tirate allo stesso modo e tutte ugualmente gonfie e inespressive. Mi chiedo se avere un po’ di rughe e la pelle che cede non sia decisamente meglio…
Tutte le mie giornate – come quelle di quasi tutte noi donne – sono riempite da piccoli gesti di bellezza, bevo molto, mi sforzo – ma non troppo – di mangiare sano, idrato rigorosamente la mia pelle, faccio attività fisica, ma so che prima o poi anche io inizierò a invecchiare. Anzi ho già iniziato… precisamente il giorno del mio ventiseiesimo compleanno quando ho smesso di produrre collagene! La scoperta della mia prima ruga è avvenuta e mi rendo conto che non manca molto all’arrivo del primo capello bianco. Per quanto tutto ciò mi terrorizzi, so che è normale. Ho più di trent’anni e tutta la consapevolezza che il declino è inevitabile. Faccio tutto quello che posso per prevenirlo, ma sono preparata al fatto che prima o poi mi dovrò arrendere al passare degli anni.
So che è un discorso po’ ipocrita, perché io di professione non faccio la “gnocca” e il piatto a tavola lo metto a prescindere dal mio aspetto fisico. Però mi chiedo se prima di rivolgersi al chirugo le star non facciano meglio a domandarsi se stiano facendo la cosa giusta. Lo show-biz, si sa, ha delle regole di bellezza ferree: devi essere magra, ma con le tette;  giovane e soda anche se hai 64 anni ; fare la fame ma avere un pelle compatta e nutrita. La verità è che, tolte rarissime eccezioni, essere in linea con gli standard richiesti è assolutamente impossibile.
Faccio outing, anche a me è passato per la testa di cedere alle punturine. Uno dei primi segni del tempo che passa è sicuramente la riduzione delle labbra, quello superiore in particolare. Le matite abbinate al rossetto che fino a un paio di anni fa mi stavano malissimo, adesso sono ospiti fisse del mio beauty, ed allora perché non iniettarsi un po’ di acido ialuronico per rimpolpare un po’ il labbro superiore? Tanto in sei mesi si riassorbe e torni come prima… ci ho pensato. Anche a lungo, ma poi ho riflettutto sul fatto che basta poco per diventare schiave del chirurgo. Questa è roba che crea dipendenza… Una gonfiatina là, una spianatina lì e in tre anni c’è il grosso rischio di ridursi come Noemi Letizia.
Se proprio, però, non potete resistere e dovete per forza ricorrere al chirugo fatelo come Sarah Jessica Parker. La protagonista di “Sex and the City” ha agito poco per volta, spianando oggi una ruga, poi la fronte, dopo ancora le pieghe naso-labiali, rimanendo abbastanza naturale. Altre sue colleghe, invece, hanno ceduto alla punturina selvaggia…
Sarah Jessica ParkerBotoxSarahJP

Meg RyanMegRyanBotox

FergieFergie

Nicole Kidman NicoleKidman

Madonna Madonna

FaniceDickinsonFaniceDickinson

Charlene Di MonacoCharleneDiMonaco

Carla BruniCarlaBruni

Voi avete mai pensato di ricorrere al chirurgo per un ritocchino? E tra le star che lo hanno fatto, quale è il risultato migliore e quale proprio non vi piace?

Foto prese da VanityFair.it

Madeleine H.

Madeleine H., nata a Roma nel 1982, vive con il marito e la figlia Penelope a Napoli. È autrice di due manuali di consigli d'amore - Il Metodo e Sos Ex - e di diversi romanzi Chick Lit.

Ancora nessun commento
  1. Parole sagge…peraltro la faccia siliconata invecchia più che ringiovanirti..finisce che una trentenne rifatta assomigli inesorabilmente ad una sessantenne rifatta! Certo che noi donne amiamo complicarci la vita!

  2. Carla Bruni è diventata un mostro… a pensare che era così bella.

    Tutte le donne prima di andare dal chirurgo dovrebbero dare un’occhiata a questo post!